TERAMO – Di seguito una nota stampa, giunta in redazione il 25 aprile, dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Teramo.

Servizi di prevenzione dei reati contro il patrimonio. I Carabinieri della Compagnia di Giulianova denunciano nove persone in una notte.

Nella nottata tra sabato e domenica i Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno sorpreso tre giovani pugliesi che si aggiravano con fare sospetto al porto di Giulianova. Il terzetto, alla vista dei militari, ha tentato la fuga, ma è stato bloccato dalla pattuglia dei Carabinieri di Roseto degli Abruzzi, accorsa sul posto per dare man forte ai colleghi. Analogamente, i Carabinieri di Atri ne sorprendendevano altri tre nei pressi del centro velico di Pineto.

Nelle due auto dei sei pugliesi i militari dell’Arma, in seguito ad accurata perquisizione, hanno rinvenuto grimaldelli e altri strumenti da scasso.

Tutto il materiale è stato posto sotto sequestro, mentre i sei giovani, che i militari ritengono essere i componenti di un’unica banda specializzata nei furti su imbarcazioni di lusso, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Teramo per possesso ingiustificato di grimaldelli e chiavi alterate.

I Carabinieri di Notaresco, invece nella stessa nottata hanno sorpreso tre persone di Alba Adriatica che stavano smontando un gazebo in un giardino di una villa di Morro d’Oro, i cui proprietari risiedono stabilmente in altra località. I tre sono stati denunciati alla competente Autorità giudiziaria per tentato furto aggravato.

Inoltre, tutti i nove denunciati di questa notte sono stati contravvenzionati per una somma complessiva di 3.600 euro, ai sensi delle norme anti-Covid, per essersi spostati al di fuori dei comuni di residenza senza giustificato motivo, e segnalati alla Questura di Teramo per l’irrogazione della misura preventiva del foglio di via obbligatorio dalla Provincia di Teramo.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.