SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La terzultima giornata di campionato offrirà una sfida che, al netto dei punti di penalizzazione, può considerarsi a tutti gli effetti uno spareggio tra la Samb, nona a quota 50 e la Virtus Verona a 45 punti, attualmente 11esima in classifica ad un passo dall’ultimo slot disponibile per giocarsi i play off.

Nonostante la difficile situazione societaria, i ragazzi di Montero hanno deciso ancora una volta di onorare la maglia e scendere in campo, scongiurando l’esclusione dal campionato. Professionalità che non è passata inosservata nemmeno tra le fila degli ospiti, con mister Luigi Fresco che ha definito i calciatori rossoblu “professionisti esemplari, capaci di vendere cara la propria pelle sul campo”.

I veneti si sono dimostrati una rivelazione del campionato: 45 punti in 35 gare, frutto di 10 vittorie, 15 pareggi e 10 sconfitte, con 39 gol fatti e 40 subiti. Notevole è l’andamento tra le mura amiche del “Gavagnin-Nocini”, terreno sul quale numerose squadre hanno rallentato (in 17 partite casalinghe solo Padova Gubbio e Perugia sono uscite vincitrici). Le prossime sfide (dopo la Samb, affronteranno la Fermana, per poi chiudere col Modena) si riveleranno decisive in ottica play off per i rossoblu di quartier Borgo Venezia, i quali però dovranno sperare anche in un passo falso del Mantova, attualmente decimo a 2 lunghezze di vantaggio.

Le ultime due uscite non hanno tuttavia fruttato punti: contro le corazzate Perugia e Sudtirol, rispettivamente 2a e 3a forza del campionato, sono arrivate due sconfitte secche (3-0 e 2-0). Considerando anche il pareggio per 2-2 contro il Carpi, la vittoria manca ai veronesi dal 3-1 contro il Fano del 21 marzo scorso.

Per quanto riguarda la formazione il nodo che resta da sciogliere riguarda la condizione fisica di Amadio. Il centrocampista classe ’99 dovrebbe tornare in campo dal primo minuto al fianco di Lonardi e Cazzola. Nel 5-3-2 potrebbe trovare spazio anche Zarpellon, al rientro da un problema fisico, in coppia con Danti (miglior marcatore della squadra con 8 reti). Dubbi sulla corsia di sinistra dove l’infortunio di Manfrin costringerà mister Fresco ad adattare un centrale in posizione di terzino.

All’andata la Samb vinse 1-0 grazie al capolavoro balistico in extremis di Federico Angiulli, che trovò il gol su punizione da 30 metri. Roseo anche l’ultimo precedente al “Gavagnin-Nocini” risalente alla stagione 2018/19 terminato 1-2 grazie alla doppietta di Rapisarda.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.