TERAMO – Di seguito una nota, giunta in redazione il 14 aprile, del Sappe. 

La Polizia Penitenziaria in servizio nell’istituto di pena di Castrogno a Teramo ha condotto una importante operazione di servizio, agli ordini del Comandante del Reparto, il dirigente del Corpo Livio Recchiuti.

I poliziotti penitenziari di Teramo all’alba di questa mattina, 14 aprile, hanno compiuto una brillante operazione di servizio che ha portato al rinvenimento e sequestro di tre micro cellulari di diverso tipo, tutti funzionanti e con schede Sim attive.

Il meticoloso e professionale servizio dei colleghi ha messo al setaccio gli ambienti e spazi detentivi in comuni della sezione del circuito “media sicurezza” rinvenendo all’interno di due stanze detentive i cellulari.

I detenuti occupanti le stanze, due italiani e un sudamericano sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per il reato di recente emanazione per l’ingresso e detenzione illecita di telefonini nelle carceri, con pene severe che vanno da 1 a 4 anni, prima era un illecito disciplinare sanzionato all’interno del carcere.

Tra i telefonini sequestrati è stato rinvenuto anche un micro smartphone completo di Sim.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.