ASCOLI PICENO – la Fita, storica sigla della Cna nel mondo dell’autotrasporto, rinnova anche nel territorio Piceno il proprio gruppo di lavoro e nell’incontro online ha lanciato un appello alle istituzioni per salvare un settore strategico che nella nostra provincia in dieci anni ha perso oltre il 15 per cento delle aziende.
“In attesa dei droni, ascolto e confronto sui temi dell’autotrasporto merci e persone”: questo il titolo, in parte provocatorio che è stato affrontato negli interventi di Luciano Barattini, Portavoce nazionale Fita Cna trasporto merci e Riccardo Battisti, responsabile regionale della Fita Cna delle Marche, Roberto Grazioli, presidente della Cna Fita regionale delle Marche.

Al dibattito online è intervenuto anche l’assessore regionale Guido Castelli che, tra le altre deleghe, ha quelli ai trasporti e reti regionali di trasporto.
Un’occasione per condividere situazioni che, sempre più esasperate, caratterizzano il settore e per cercare insieme la consapevolezza di proposte ed azioni in grado di affrontare alcuni dei nodi che la categoria quotidianamente si trova ad affrontare.
La preoccupazione generale è quella che, nel vedere i camion in attività, si possa pensare che, alla fine, il settore sta reggendo. Purtroppo non è così: viaggiare con autocarri vuoti per metà o del tutto non solo è diseconomia ma porta al fallimento; Vedere la risalita vertiginosa del costo del gasolio che si scarica tutto sul trasportatore è una rimessa continua che si evidenza ancora di più con il lavoro, se e quando c’è, ridotto al lumicino; la paralisi del traffico per cantieri ed inefficienze del sistema della viabilità autostradale ed ordinaria è un ulteriore elemento che concorre ad appesantire un’impresa di trasporto con il rischio che, quando si parla di futuro, in poche potranno vederlo.
I dati sono rappresentativi di una realtà di impresa che, se da un lato ha bisogno di ammodernamenti, dall’altro non si riesce a programmare il futuro e gli investimenti.
Se poi si dovesse eliminare il recupero delle accise, un parziale rimborso del maggior costo, oltre il costo industriale, che mette l’Italia ai primi posti per il prezzo di gasolio in Europa, allora sarebbe la disfatta per la maggior parte delle imprese.
Le tre realtà provinciali sono tutte caratterizzate, come la regione Marche, dal segno meno nel confronto dei dati al 28 febbraio 2021 rispetto alla stessa data del 2011: un periodo di
osservazione di 10 anni che non lascia troppo spazio alla fantasia e che ha dinamiche negative differenti nei tre territori provinciali osservati.
C’è una perdita di peso specifico del segmento trasporto nel quadro delle singole economie provinciali che va ben indagata per garantire la tenuta di un settore che resta fondamentale per far girare l’economia.
Al termine della parte convegnistica, la Fita Cna di Ascoli ha proceduto al rinnovo dei quadri dirigenti e dei rispettivi gruppi di lavoro territoriali, come previsto del rinnovato statuto Cna, alla presenza del presidente territoriale Autotrasporto Barbara Pietrolungo e del settore Trasporto persone, Deborah Caioni.

IL NUOVO GRUPPO DI LAVORO DELLA FITA CNA ASCOLI PICENO
Grazioli Roberto, consigliere, San Benedetto del Tronto, Capriotti Gianni, consigliere, Castignano, Di Mattia Enio, consigliere, San Benedetto Del Tronto; Petrucci Domenico, consigliere, Arquata Del Tronto; Gianpietro Amadio, consigliere; Domenico Ceroni, consigliere, Montefiore dell’Aso; Barbara Pietrolungo; presidente trasporto merci, Colonnella; Caioni Deborah, presidente trasporto persone, San Benedetto del Tronto; Trebaldi Carlo, consigliere, Ascoli Piceno; Ciarrocchi Vincenzo, consigliere, Monsampolo; Incicco Fabrizio, consigliere, San Benedetto Del Tronto; Settimi Luca, consigliere.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.