FERMO – Riportiamo e pubblichiamo una nota stampa, giunta in redazione il 10 aprile, dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Fermo.

Prosegue incessante l’attivita’ dei carabinieri nel Fermano.

Negli ultimi due giorni, sono stati effettuati servizi straordinari di controllo del territorio.

In particolare, i 30 carabinieri messi “in campo” nel corso di specifici servizi svolti soprattutto nelle citta’ di Fermo, Porto Sant’Elpidio e Porto San Giorgio, attuati in particolare nei confronti di stranieri oziosi che “bivaccano” in determinati luoghi delle predette localita’, hanno sottoposto a controllo 60 veicoli ed identificati complessivamente 80 soggetti.

Tre di loro sono stati denunciati alla Procura di Fermo, nello specifico ecco le attività.

A Porto Sant’Elpidio, i militari della stazione di Pedaso, coordinati dal Luogotenente Salvatore Marra, rintracciavano un 23enne marocchino, gia’ noto alle cronache giudiziarie, denunciandolo alla Procura di Fermo per inottemperanza al provvedimento di espulsione dal territorio nazionale, in violazione del provvedimento emesso dal Prefetto di Brindisi a dicembre 2019 il giovane, al termine delle attivita’ di identificazione, veniva avviato all’ufficio immigrazione della locale questura per successive pratiche di espulsione.

Nel corso dello specifico controllo sono state eseguite anche diverse perquisizioni sul posto finalizzate alla ricerca di droga ed armi.

Un pregiudicato 54enne di Porto Sant’Elpidio e’ stato denunciato dai carabinieri di quel Comando, alla guida del Luogotenente Corrado Badini, per inosservanza dei provvedimenti dell’autorita’ poiché sottoposto a provvedimento restrittivo presso la propria abitazione, non veniva reperito nel corso del controllo, in violazione alle prescrizioni indicate dalla Corte di Appello di Ancona.

Nei guai anche un 57enne di Sant’Elpidio a Mare che, in quella localita’, sottoposto a controllo da parte dei militari della Sezione Radiomobile, coordinati dal Maresciallo Maggiore Paolo De Angelis, e’ stato “beccato” ubriaco alla guida della sua autovettura, all’esito di test etilometrico, ha manifestato un tasso alcomelico di oltre 2,20 gr/litro, ovvero quasi cinque volte superiore al tasso massimo consentito da Codice della Strada: naturalmente l’autovettura e’ stata immediatamente sottoposta a sequestro amministrativo per il successivo provvedimento di confisca, e la patente di guida e’ stata immediatamente ritirata per i provvedimenti amministrativi conseguenti.

Infine proseguono, incessanti, anche i controlli finalizzati al rispetto della normativa anti-Covid.

Negli ultimi due giorni, infatti, sono stati controllati parchi, giardini ed altri luoghi di aggregazione dove venivano sottoposte ad identificazione 375 persone ed ispezionate 46 attivita’ ed esercizi pubblici.

Quattro dei soggetti controllati sono stati sanzionati in via amministrativa per violazione alla normativa anti-Covid: 2 dai militari della Stazione di Pedaso, sempre coordinati dal Luogotenente Salvatore Marra, e due dai carabinieri di Monte San Pietrangeli, coordinati dal Luogotenente Paolo Fragasso, poiche’ sorpresi “in giro” in auto, senza una valida motivazione, oltre gli orari consentiti.

Naturalmente, altri controlli straordinari saranno messi in campo anche nei prossimi giorni.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.