DIRITTI AL PUNTO – UNA RUBRICA CURATA DALL’AVVOCATO ANDREA BROGLIA

Se Facebook chiude il mio profilo senza motivo posso richiedere un risarcimento del danno ?

Si.

Della vicenda se ne è occupato recentemente il Tribunale di Bologna.

Un utente, titolare di due pagine Facebook di collezionismo e storia militare, negli anni aveva costruito profonde e durature relazioni di amicizia e professionali.

Di punto in bianco, e senza alcuna motivazione, Facebook decideva di chiudere le sue pagine.

Di talché, l’utente, lamentando un danno, decideva di rivolgersi al Tribunale di Bologna per ottenere giustizia.

Il Tribunale di Bologna, all’esito del processo, con l’ordinanza del 10 marzo 2021, ha condannato Facebook a risarcire l’utente per euro 10.000,00 per la chiusura del profilo e in euro 2.000,00 per ognuna delle due pagine cancellate . Il Tribunale infatti ha appurato che la cancellazione arbitraria delle suddette pagine, con conseguente esclusione dell’utente dal social, ha determinato in capo allo stesso non solo un danno alla sua vita di relazione e alla sua libertà di espressione ma anche alla sua identità personale.

 

Se avete domande, curiosità o quesiti di natura giuridica commentate l’articolo, qui o sui social o scrivete a info@rivieraoggi.it, specificando nell’oggetto della mail “Diritti al Punto” e la redazione vi risponderà.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.