SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una mail inviata dall’indirizzo di posta della Sudaires Srl con la quale il presidente della Samb Domenico Serafino ha tentato di prendere altro tempo rispetto alle richieste di alcuni creditori.

Tuttavia le imprese in questione si aspettavano, entro oggi, il pagamento degli arretrati (parliamo di qualche decina di migliaia di euro a testa) per lavori eseguiti ad esempio al Samba Village di Monsampolo (in questo caso l’azienda è Arte Verde, per 44 mila euro).

Da Serafino sarebbe invece arrivata una mail semplice, non su Pec come richiesto, e senza una chiara documentazione per stabilire il piano di rientro del debito accumulato. Il presidente della Samb, che si troverebbe a Milano, avrebbe garantito il pagamento entro il mese di giugno e chiesto un appuntamento per chiarire la situazione.

Tuttavia le parole di Serafino non sono ritenute bastevoli, dopo mesi di promesse e rinvii, e dunque – a meno di clamorosi sviluppi entro la giornata di oggi – domani verranno presentate le istanze di fallimento. Per Arte Verde sarà l’avvocato Simone Vallesi di San Benedetto ad occuparsene ma ci sono altre ditte pronte alla deposizione dell’atto: parliamo di almeno 4-5 aziende, che si stanno coordinando assieme. In giornata sono attese notizie più precise.

Tra l’altro l’istanza di fallimento viene ritenuta una delle poche strade per provare a mantenere la squadra nella categoria, nel caso di acquisto del titolo sportivo prima del termine per l’iscrizione al prossimo campionato (l’alternativa sarebbe fallimento e squadra nelle serie minori). Sembra che i tempi procedurali siano così brevi che persino arrivare a venerdì rischia di non garantire il rispetto dei termini. Ma di questo e dei dettagli ce ne occuperemo a breve.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.