CIVITELLA DEL TRONTO – La vicenda della coppia tedesca, Ignaz Hain (ebreo) e Margarete Wagner (cattolica), entrambi internati a Civitella del Tronto durante la Seconda Guerra Mondiale, si arricchisce di un ulteriore tassello. Il ricercatore storico giuliese, Walter De Berardinis, nel ricostruire la storia della donna tedesca, poi morta a Giulianova il 14 gennaio 1945, ha scovato nel libro di Hilton Tims: “Erich Maria Remarque – The last romantic” (edito nel 2003 e non ancora tradotto in Italia), una trascrizione del diario del famoso scrittore tedesco Erich Maria Remarque autore del libro “Niente di nuovo sul fronte occidentale”. Il testo racconta dell’incontro a Porto Ronco nel Canton Ticino in Svizzera tra Ignaz Hain (poi morto nel campo di concentramento di Mauthausen l’8 marzo 1945), Erich Maria Remarque e Bruno Frank, quest’ultimo noto romanziere, drammaturgo e sceneggiatore tedesco, anche lui sfuggito al regime hitleriano.

Il 19 agosto 1936, lo scrittore tedesco Remarque, sul suo diario annoterà: “…questo pomeriggio un emigrato di 34 anni, ebreo, Ignaz Hain, aveva parlato con Bruno Frank. Gli ho dato dei soldi, ospitalità e il biglietto ferroviario per Milano. Ci ho pensato tutta la sera, veramente triste.” La conferma dell’attendibilità della ricerca di De Berardinis è arrivata direttamente dal centro studi tedesco “Erich Maria Remarque-Friedenszentrum, Università Osnabrück”. Oggi, i diari originali e l’intero patrimonio cartaceo, sono custoditi negli USA alla “New York University – Remarque-Collection, Fales Library. Ricordiamo che anche i documenti della coppia tedesca, Hain e Wagner, sono stati messi a disposizione del ricercatore giuliese dal curatore del Museo Nina di Civitella del Tronto, Guido Scesi e dalla consulenza storica sul campo d’internamento di Civitella, Giuseppe Graziani.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.