MARTINSICURO – “Da qualche mese era diventato un vero e proprio incubo all’interno di un condominio di Martinsicuro ed a farne le spese era una condomina che veniva sistematicamente molestata e vessata da un 30enne stalker, tanto da ingenerare nella donna un perdurante stato d’ansia ed il fondato timore per la propria incolumità”.

Così, in una nota stampa diffusa il 3 aprile, la Compagnia dei Carabinieri di Alba Adriatica: “Stanca di subire le quotidiane angherie si era rivolta ai Carabinieri truentini che hanno immediatamente raccolto la denuncia con tutti i particolari per poi avviare le successive indagini che corroborassero gli episodi raccontati. Una volta terminato gli accurati accertamenti dopo le deposizioni di numerosi altri condomini e testi i militari di Martinsicuro hanno rimesso una dettagliata informativa alla Procura della Repubblica di Teramo”.

“Sulla scorta degli accertamenti svolti il Sostituto Procuratore, Laura Colica, ha avanzato, ricorrendone tutti i presupposti, al Gip Lorenzo Prudenzano , la richiesta, misura cautelare coercitiva personale” affermano dalla Compagnia.

Nel comunicato si legge: “Il Giudice, dopo aver valutato l’esigenza della misura invocata ha applicato il codice rosso emettendo la misura cautelare degli arresti domiciliari in un’idonea struttura sanitaria. L’uomo, dopo essere stato prelevato dai Carabinieri di Martinsicuro è stato accompagnato e ricoverato agli arresti domiciliari presso una casa di cura”.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.