di Casimiro Palestini*

a 124 anni il buon Casimiro Palestini non cessa di divertirsi ad ogni 1° aprile… Clicca qui

e qui

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Invece di tornare nella sua villa a Città della Pieve, nella serata di mercoledì il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha allungato il tragitto di ritorno a casa per raggiungere San Benedetto, dove ha soggiornato in uno dei pochi alberghi aperti in questa difficile fase del Covid-19.

A cena con lui, la moglie Maria Serenella Cappello e alcuni funzionari della Segreteria della Presidenza del Consiglio erano presenti anche il Presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, il Presidente della Provincia di Ascoli Sergio Fabiani, il sindaco di San Benedetto Pasqualino Piunti, l’assessore regionale Guido Castelli, il senatore sambenedettese Giorgio Fede, la deputata ascolana di Fratelli d’Italia Rachele Silvestri,  il deputato ascolano del M5S Roberto Cataldi, la consigliera regionale del Pd Anna Casini, il sindaco di Grottammare Enrico Piergallini, il sindaco di Cupra Marittima Alessio Piersimoni, il sindaco di Monteprandone Sergio Loggi, il sindaco di Acquaviva Picena Pierpaolo Rosetti, il sindaco di Ripatransone Alessandro Lucciarini De Vincenzi, il sindaco di Monsampolo del Tronto Massimo Narcisi, il sindaco di Spinetoli Alessandro Luciani, il presidente del coordinamento dei comitati di quartiere di San Benedetto Alfredo Isopi, l’intera compagnia della Ribalta Picena che ha rallegrato la serata con alcune scenette in dialetto sambenedettese, una delegazione del Circolo dei Sambenedettesi, il sindaco di Ascoli Marco Fioravanti, il sindaco di Martinsicuro Massimo Vagnoni, Giuseppe Ricci in rappresentanza degli Imprenditori Turistici Balneari, il Comitato Sì Bretella, il presidente della Riserva Naturale della Sentina Ruggiero Latini, dieci rappresentanti del Comitato Ferrovia Ascoli-Roma, il presidente del Consiglio Comunale di San Benedetto Giovanni Chiarini, Paolo Virgili del Comitato Città Grande, una delegazione della marineria sambenedettese, il comitato Festa San Basso di Cupra Marittima, l’associazione Organetto e Tradizione, una delegazione dei rappresentanti del Comitato “Tutela del Brodetto Sambenedettese“.

Nessun assembramento, però: il tutto si è svolto come da normativa anti-Covid, con distanziamento sociale e mascherine, ovviamente tolte per consentire di gustare le prelibatezze degli chef.

Durante l’incontro, Mario Draghi ha avallato la proposta dei presenti per realizzare un aeroporto in zona Fosso dei Galli-zona San Donato a Centobuchi e per modificare il nome della Provincia da Ascoli ad Ascoli-San Benedetto. La soluzione sembra sia frutto di una mediazione molteplice messa in atto da molti dei presenti, anche se l’idea dell’Aeroporto in zona San Donato non soddisferebbe pienamente i grillini che in quell’area vorrebbero invece il nuovo ospedale di San Benedetto: difficile pensare ad arei che volino tra i reparti sanitari, c’è da convenire. Ma l’importante, hanno dichiarato in molti, è che i fondi del Repovery Fund siano indirizzati verso queste soluzioni, poi un posto, un po’ più in qua o un po’ più in là, lo si trova.

“Una platea così numerosa e ricca di tradizioni e cultura – avrebbe sommessamente commentato Draghi al termine dell’incontro, secondo quanto ci hanno riferito alcuni dei presenti – merita questi riconoscimenti”.

Prima di tornare con la consorte a Città della Pieve, non è mancato un brindisi con passerina dei colli piceni e olive all’ascolana farcite di pesce, anche se il sindaco di Ascoli Marco Fioravanti non sembra aver apprezzato questa soluzione.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.