PEDASO – Da qualche anno la fioritura dei ciliegi giapponesi è un evento che richiama a Pedaso migliaia di appassionati di Sol Levante e non. Sulla collina del Monte Serrone, infatti, nel Parco della struttura turistica “Contea dei Ciliegi”, si trova un bosco di oltre 2500 ciliegi che a primavera fioriscono regalando uno spettacolo unico.

Nel corso dell’evento, denominato Pedaso Hanami e patrocinato dall’Ambasciata giapponese in Italia, vengono organizzati spettacoli musicali, esibizioni di arti marziali, mercatini a tema, voli di aquiloni, stand gastronomici. Quest’anno purtroppo la manifestazione non si terrà a causa della pandemia di Covid-19. A “Talk Picenum”, il talk show dell’associazione Artistic Picenum, sono intervenuti Carlo Maria Bruti, vice sindaco di Pedaso, e il fisarmonicista Luigi Bruti, intervistati da Angelica Marcantoni e Giuseppe Cameli.

L’idea è nata passeggiando nel bosco di ciliegi con Carlo e un altro amico, Paolo – ha esordito Luigi Bruti – Sono stato diverse volte in Giappone per lavoro, è un Paese che conosco bene. Lì la celebrazione della fioritura è qualcosa di sacro, vissuta in famiglia come un giorno di festa. Così è cominciato tutto. All’inizio eravamo pochi centinaia, poi siamo diventati sempre di più, fino ad arrivare negli ultimi due anni, il 2018 e il 2019, a 15 mila presenze“.

Ha proseguito Carlo Maria Bruti: “Grazie a questa manifestazione, Pedaso è finito sulla bocca di tutti, diventando virale. I giapponesi sono molto riconoscenti nei nostri confronti, tanto che nel 2018 il sindaco di Pedaso è stato invitato all’Ambasciata giapponese per festeggiare gli 85 anni dell’Imperatore. Una grande soddisfazione per noi, anche perché la manifestazione richiama tanti turisti ancora prima dell’inizio della stagione estiva, creando un bel movimento”.

Speriamo di poter tornare presto a festeggiare la fioritura dei ciliegi, con l’augurio che possa essere un nuovo inizio per tutti” – ha concluso Luigi Bruti.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.