MARTINSICURO – Controlli delle Forze dell’Ordine in questi giorni.

“Nell’ambito del rafforzamento dell’attività di controllo del territorio nel Comune di Martinsicuro disposto dal Comando Compagnia di Alba Adriatica diretta dal Capitano Gianluca Ceccagnoli, è stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari e sono scattate due denunce”. Così si apre la nota diffusa il 24 marzo dalla Compagnia dei Carabinieri di Alba Adriatica.

Nella nota si legge: “Nello specifico, i Carabinieri di Martinsicuro hanno dato esecuzione ad un ordine di misura cautelare personale, emesso dal Tribunale Ordinario di Trento a carico di un 26enne, del luogo. Il provvedimento restrittivo degli arresti domiciliari è scattato dopo che il ragazzo è stato ritenuto colpevole per il reato di truffa, commesso nel mese di settembre 2020, in Provincia di Trento, in quanto in concorso con ignoti, servendosi di una carta flash accesa presso un Istituto bancario di quella provincia, tramite artifizi e raggiri, aveva indotto in errore un ignaro cittadino del luogo, che aveva postato su un sito specializzato di e-commerce un annuncio per la vendita di quattro pneumatici da neve, facendogli effettuare operazioni di ricarica presso l’Atm, sulla propria carta flash, con la convinzione che stesse, invece, ricevendo soldi per il pagamento degli pneumatici posti in vendita per un importo di circa mille euro – prosegue il comunicato – il ragazzo, su disposizione dell’Autorità giudiziaria mandante è stato posto agli arresti domiciliari”.

Dalla Compagnia aggiungono: “Durante uno specifico controllo finalizzato a contrastare lo spaccio di stupefacenti, i militari di Martinsicuro hanno bloccato un 20enne del posto che veniva trovato in possesso di circa un grammo di hashish, la successiva perquisizione nell’abitazione del presunto venditore ha portato al sequestro di circa 50 grammi di hashish, 5 circa di marijuana ed il materiale idoneo al confezionamento. Per il proprietario di casa, un 22enne, è scatta la denuncia per spaccio e detenzione di stupefacenti, mentre l’acquirente, oltre ad essere stato segnalato alla Prefettura di Teramo per uso non terapeutico di sostanze stupefacenti è stato sanzionato per la violazione delle norme anti-Covid”.

Dall’Arma concludono: “Infine, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Alba Adriatica, su segnalazione di un privato cittadino, hanno rintracciato in strada un individuo che girava con un coltello in mano, lungo 27 centimetri, la perquisizione personale consentiva di trovare addosso un lungo cacciavite. L’uomo, 32enne del posto, dovrà rispondere di porto d’armi o oggetti atti ad offendere”.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.