Di Andrea Costantini

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un meraviglioso esempio di come passione e arte, unite a impegno, costanza e determinazione possono portare al successo. Stiamo parlando della ballerina Alina Sanchez, di origini cubane ma adottata da anni ormai dalla Riviera delle Palme di San Benedetto.

Alina (per gli amici Coki) nasce a Santiago de Cuba nel 1987, crescendo tra i ritmi caraibici insieme ad altre tre fratelli e sorelle. Fin da piccola, oltre alla passione per la danza, coltiva quello per la ginnastica ritmica, che le darà ottime basi per la sua futura carriera. Grazie alle innate doti fisiche, inoltre, diventa atleta professionista, specializzata nella disciplina dei 400 metri ad ostacoli. Gli intensi allenamenti, tuttavia, non la distolgono dal suo vero amore: il ballo e la danza. All’età di 13 anni, infatti, lascia l’atletica per iscriversi all’Accademia di Danza, un percorso formativo prestigioso nell’isola caraibica, dove si tengono in alta considerazione le discipline coreutiche. Dopo il diploma, inizia a lavorare in una compagnia teatrale di danza moderna al mattino e come ballerina di coppia in spettacoli di musica tradizionale di sera. 

Le difficili condizioni di vita e le scarse possibilità di carriera, comunque, la spingono nel 2011 a trasferirsi in Italia, grazie all’amore per il nostro Paese e all’aiuto di alcuni conoscenti. 

Lavora come animatrice in numerosi locali e insegnante di danza, sfruttando la crescente popolarità dei balli caraibici, oltre alla sua simpatia e presenza scenica. Alla continua ricerca di nuove esperienze professionali, nel 2015 viene ingaggiata dalla MSC crociere, dove ogni sera si svolgono spettacoli teatrali nei quali ha modo di esibirsi in tutti gli stili di danza. Questa avventura la porterà a conoscere posti nuovi in tutto il mondo e a stringere amicizie importanti. Ma dopo un paio d’anni, saranno ancora una volta la passione per la danza e la ricerca di nuovi stimoli a riportarla a terra ed a spingerla a spostarsi spesso a Roma per perfezionare ulteriormente la sua tecnica.

Nella capitale decide di partecipare ai provini Mediaset, attraverso i quali viene selezionata per entrare a far parte del corpo di ballo dell’ottava edizione di “Ciao Darwin” (l’ultima prima del Covid). Si rivelerà un’esperienza faticosa ma stimolante, che la farà conoscere al grande pubblico e le permetterà di stringere un buon rapporto umano con i presentatori Bonolis e De Laurenti, nonché con tutta la produzione del programma televisivo. In seguito, viene scelta dalla Rai per il concerto di Capodanno 2019, dopo aver superato brillantemente le audizioni.

Subito dopo torna in Mediaset, nel game show “All together now”, condotto da Michelle Hunziker, che dietro le quinte si rivela simpatica e solare, così come si presenta davanti alle telecamere. Dopo lo stop forzato determinato dal primo lockdown, collobora nuovamente nel servizio pubblico all’interno del format “Qui e adesso”, in onda su Rai3 accanto a Massimo Ranieri, un grande professionista dal quale imparerà molto.

Gli ultimi impegni televisivi di Alina sono stati il concerto di Capodanno 2020, senza pubblico, condotto dal binomio Morandi-Amadeus e “Non sono una signora”, lo show dedicato a Loredana Bertè, in occasione del suo 70simo compleanno.

Recentemente, tra un impegno e l’altro, “Coki” ha collaborato anche con il rapper romano Tommaso Zanello, in arte Piotta, negli ultimi 3 suoi videoclip, mentre ultimamente sta lavorando anche come fotomodella e testimonial di importanti brand di abbigliamento. 

Ad Alina un grande in bocca al lupo per il futuro.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.