CUPRA MARITTIMA – “Occultava le vongole illegali nella parte centrale della partita, ecco come riusciva a farla franca. E’ quanto emerso a Cupra da una mirata attività investigativa condotta dai militari della Guardia Costiera di Cupra Marittima sotto il coordinamento della Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto. Una volta capito il meccanismo elusivo, nelle prime ore di oggi i militari hanno atteso il momento dello scarico di una grossa partita di vongole da un furgone adibito al trasporto. Appena terminate le operazioni, hanno ordinato al responsabile di un centro di spedizione destinatario dei molluschi di rimuovere l’imballaggio”.

Ciò comunica la Capitaneria di Porto sambenedettese tramite una nota stampa diffusa il 5 marzo:Spostando i primi sacchetti regolarmente etichettati e dichiarati, sono emersi 130 chili circa di prodotto ittico privo di ogni documentazione di carattere sanitario o di tracciabilità che sarebbe stato poi destinato al mercato nero.  Le vongole irregolari, dopo essere state poste sotto sequestro, sono state giudicate vivo dai veterinari dell’Asur Marche e quindi rigettate in mare dall’equipaggio di una vedetta della Guardia Costiera di San Benedetto del Tronto”.

“Al titolare del centro di spedizione è stato fatto un verbale di 1500 euro -si legge nel comunicato – L’attività di vigilanza della Guardia Costiera di Cupra Marittima proseguirà anche nei prossimi giorni, a garanzia della qualità dei prodotti che arriveranno sulle tavole della cittadinanza ed a tutela della risorsa ittica”.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.