ANCONA – Sono stati presentati in una conferenza stampa il 2 marzo i tre nuovi appuntamenti teatrali di “Teatro in Marche a casa tua! in programma il 7, l’8 e l’11 marzo 2021 alle ore 21,15. La rassegna è promossa dalla Regione Marche, dall’Amat e dai comuni di Macerata, Santa Vittoria in Matenano e Servigliano.

“Questa è un’altra serie di incontri teatrali che si aggiunge agli altri spettacoli in streaming già messi in scena per dare il segnale che, nonostante i teatri siano chiusi a causa della pandemia, la loro attività continua, perché la cultura non si ferma” ha aperto la conferenza stampa l’assessore alla cultura della Regione Marche, Giorgia Latini.

“Con il teatro in streaming abbiamo continuato a sostenere il lavoro dei professionisti del teatro e a essere vicino al pubblico che lo ha molto apprezzato” ha dichiarato il direttore dell’Amat, Gilberto Santini, precisando: “ Lo streaming ha anche permesso di trattenere la memoria di luoghi che vanno sicuramente valorizzati”.

Il primo spettacolo andrà in scena domenica 7 marzo dalla Casa della Memoria di Servigliano e vedrà protagonista Luca Violini in “Destinatario sconosciuto”, un testo di Kressam Taylor che affronta il tema del razzismo che ha generato la Shoah.

“Un luogo emblematico e legato al tema del razzismo quello della casa della Memoria” ha spiegato il sindaco di Servigliano, Marco Rotoni. “Ringrazio la regione Marche per la sensibilità mostrata perché è per noi motivo di orgoglio far parte di questa iniziativa. Il messaggio che partirà da Servigliano sarà un messaggio forte, che mai come ora è necessario per farci riscoprire quel senso di intesa e di appartenenza” ha concluso.

“E’ stato interessante e stimolante sviluppare questo spettacolo all’interno della Casa della Memoria, un luogo freddo perché ha concentrato dentro di sé tanto dolore. Questo spettacolo parla del male che porta altro male, ma è importante ricordare per riflettere, e credo sia questo il ruolo del teatro: far riflettere” ha aggiunto Luca Violini.

Lunedì 8 marzo, data non casuale, sarà, invece, la volta di Paola Giorgi con un testo scritto da Cesare Catà:” La principessa Diana e la palpebra di Dio”, in scena dal teatro comunale del Leone di Santa Vittoria in Matenano: “Questo spettacolo narra le vicende di Diana Spencer, una donna che mi ha sempre affascinata e che volevo portare in scena senza banalizzarla, ma, al contrario, rendendole giustizia. In questo monologo la voce di Diana si interseca a quella dei grandi drammaturghi greci e latini come Sofocle, Euripide, Seneca, mettendo in parallelo la sua figura con quella di altre donne classiche come Antigone, Medea, Arianna, Artemide, la dea della caccia. Come attrice mi sento appagata se riesco a trasmettere le emozioni di lady Diana e l’amore che provo per lei” ha chiarito la Giorgi.

La tappa finale sarà presso il Palazzo Comunale di Macerata giovedì 11 marzo con lo spettacolo di Cesare Catà “In terribile stato”, una lezione-spettacolo su Pier Paolo Pasolini.

“Questa rassegna, che ci inserisce in un’esperienza di condivisione con altre realtà culturali marchigiane e ci consente di promuovere artisti della nostra regione, ci ha anche permesso di dare spazio e visibilità ad altri luoghi importanti della città, oltre ai teatri, e di farli conoscere a un vasto pubblico” ha sottolineato l’assessore alla cultura di Macerata, Katiuscia Cassetta.

“Questa iniziativa dimostra che, in qualche modo, siamo ancora vivi e mi rende felice perché valorizza la nostra cultura marchigiana.” ha affermato, infine, Cesare Catà. ”Il messaggio di questo spettacolo, che mescola momenti drammatici (di recitazione), story telling e musica, è la ribellione pacifica attraverso la letteratura”.

Gli spettacoli sono fruibili gratuitamente in streaming sul portale marcheinscena.it.
Per informazioni: Amat 071 2075880.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.