SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una nuova puntata nel passato della Samb grazie alle interviste di Mauro Scipioni nella rubrica “Cuore da Ex“, e ancora un attaccante che ha scritto la storia del club: Gabriele Scandurra, autore di ben 21 gol con la maglia rossoblu in due campionati, anzi in un campionato e mezzo di Serie C.

Classe 1978, una lunga carriera costellata anche da qualche infortunio: “Quando arrivai a San Benedetto nel 2003 fu amore a prima vista, con la città e i tifosi e i colori, che mi sono rimasti dentro”.

Scandurra segnò 10 gol in 16 partite prima che Luciano Gaucci decidesse di portarlo in Serie A, nel Perugia, assieme al compagno d’attacco Francesco Zerbini. Poi, nel 2005-06, vi fu il ritorno di Scandurra, ed ecco altri 11 gol in 29 presenze, prima di un infortunio che lo escluse dai play out in un momento difficilissimo, con la squadra priva di guida societaria.

Bellissime le parole di Scandurra sulla tifoseria rossoblu, i ricordi dei problemi societari da Mastellarini a Soldini nel 2006 e anche della famiglia Gaucci nel 2003.

“Cuore da Ex”: Beppe Manari, il numero 10 tutta classe degli Anni Novanta

Carmine Esposito: la Samb, Venturato, Gaucci, e poi Batistuta, Maradona, il Trap, Edmundo, Spalletti…

Cuore da Ex. Cristian Pazzi, il bomber gentiluomo: “Quel rigore di Recanati, impensabile cosa accadde dopo”

Quanti ricordi Michele Sergi! Gaucci, Colantuono, Parma, i tifosi: cuore da ex, da vero ex


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.