SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Di seguito una lettera di Giuseppe Ricci, presidente Itb Italia.

Già, perché noi concessionari di spiaggia dobbiamo aprire gli ombrelloni a Pasqua, il 4 di aprile?

Perché ce lo chiedono gli italiani che vorrebbero cominciare così la buona stagione, con i primi bagni?

Perché ci piace lavorare in perdita, sapendo che la stagione é lunga e fino ai primi di luglio i guadagni saranno pochi (o inesistenti)?

Perché? Se non abbiamo neanche una garanzia di lotta realmente efficace al malefico Covid che tiene lontano i turisti?

In realtà, non dovremmo aprire gli ombrelloni perché da 14 anni non ci sono state le risposte che ci aspettavamo sulla questione “Bolkestein“, da parte della matrigna Europa e dal fantomatico governo italiano che non è stato in grado di garantirci la proroga (anche se non è la proroga che noi aspettiamo..)

La risposta è nel nostro Dna e nella nostra cultura dell’attenzione ai turisti balneari, é nella nostra esperienza di chi sa cosa vuole il turista quando viene al mare e si aspetta tranquillità, servizi adeguati, assistenza e attenzione, come sempre abbiamo fatto (vedi estate 2020), diventando un esempio per tutti.

Ma per esser qui ad aprire gli ombrelloni a Pasqua abbiamo bisogno di un‘amministrazione non ostile, di una burocrazia meno complicata e cieca e, soprattutto di avere la possibilità di confrontarci e di poter dire, finalmente, la nostra sul futuro delle nostre imprese balneari.

Quei ristori, cioè, che dovrebbero arrivare ai settori economici più colpiti dai problemi connessi con il Covid, e quale settore è stato più colpito di quello del turismo, in tutte le sue componenti?

Ecco, allora, perché tutte le associazioni balneari dovranno proporre l’utilizzo del Recovery Fund anche a beneficio del settore balneare, sia per la salvaguardia del territorio, che per  modificare la fiscalità, operando sulla possibilità di trattenere tutti (o in gran parte) i canoni demaniali e intervenendo con i ristori, a favore del mantenimento del posto di lavoro stagionale per i lavoratori del settore,

Già ora si parla modificare l’invio delle cartelle (per la nostra categoria) e di abbracciare un arco temporale più ampio di due anni, evitando la montagna di notifiche e ripercussioni pesanti sull’economia del settore.

Ecco, quindi, la necessità di impiegare bene i 32 miliardi resi disponibili dal maggior deficit, per l’erogazione dei ristori alle categorie colpite dai lockdown e dalle norme anti-Covid, ed in particolare per il nostro settore, un settore vitale per tutta l’economia italiana.

Se non si arriverà ad una soluzione comune e soddisfacente del problema delle imprese balneari, per giustizia, bisognerà che a fine stagione siano aboliti tutti gli oneri dovuti (locali, regionali e nazionali..).

Per quanto riguarda, infine, i ristori: le imprese balneari devono essere trattate come tutte le altre imprese italiane, visto che con la loro attività danno da vivere a migliaia di famiglie e generano un indotto che vale circa  6,7 miliardi all’anno con 120 milioni di presenze annue (dati Enit 2018).

L’ultima, o forse la prima riflessione da fare è che noi da sempre abbiamo fatto questo lavoro e sarà sempre il nostro lavoro e delle nostre famiglie.

Noi continueremo a farlo anche sapendo che occorrerebbe ben altro, e i nostri politici sanno già quali sono le nostre proposte, le proposte di Itb Italia e quindi: parliamone!

 


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.