SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nella Samb sudamericana del presidente Domenico Serafino non poteva mancare un tocco di Brasile: checché se ne dica, con un parco giocatori argentini e un allenatore uruguaiano, non vi è rivalità quando si parla dei colori rossoblu.

Lui è Elias Santana Male ed è un giovane brasiliano dello stato brasiliano di Bahia. Tra l’altro divenuto di recente addetto stampa del Bahia, squadra di calcio della Serie A brasiliana e vittoriosa di due campionati brasiliani nella sua storia.

Elias, qualche anno fa, ha visto su Internet una foto della Curva Nord Massimo Cioffi e da allora si è letteralmente innamorato dei colori rossoblu (gli stessi del Bahia, tra l’altro), seguendo le gesta di squadra e tifoseria con grande passione.

Nell’intervista realizzata da Leonardo delle Noci, Elias, con la maglia della Samb indosso, parla della sua passione e fa le sue considerazioni su passato, presente e futuro del club. Abbiamo deciso di lasciare l’intervista in lingua portoghese, per essere apprezzata anche Oltreoceano, rimandando di seguito la traduzione.

***

Ero molto emozionato per l’arrivo del nostro nuovo Presidente Serafino, ha portato nuova speranza al nostro team. E sono molto felice di vedere giocatori sudamericani giocare per la Samb. Giocatori di altissimo livello, come Rossi, appena arrivato, Maxi Lopez, Botta. Spero davvero che questi giocatori insieme a tutta la rosa possano aiutare la Samb a raggiungere la Serie B, dopo tanto tempo. Sono anche contento perché questi giocatori riescono ad incuriosire nuovi tifosi dalle mie parti. Spero che tutto ciò faccia crescere la squadra per raggiungere gli obiettivi prefissati.
Lavoro nel settore della comunicazione dell’Esporte Clube Bahia dal 2018. Bahia è anche la squadra che tifo in Brasile. Dico sempre che Bahia e Samb hanno molte cose simili: i colori, i tifosi appassionati, sono entrambe città di mare. Sono molto felice di lavorare nel mondo del calcio. Sono molto felice di avere l’opportunità di lavorare nel giornalismo sportivo. E tutti quelli che lavorano con me a Bahia, nell’area della comunicazione e del Marketing, conoscono la Samb perché con loro parlo sempre dei rossoblu. Sono felice ti tifare e lavorare per il Bahia e di seguire anche la Samb. Sono felice di questa esperienza.
Ho una gran voglia di visitare l’Italia, di visitare San Benedetto. Ho già iniziato un corso per imparare la lingua italiana. Da quando ho conosciuto Samb, ho sempre avuto una gran voglia di andare al Riviera delle Palme per festeggiare un gol, gridare, cantare, vedere una vittoria per Samb, e spero di realizzare presto questo sogno. Spero un giorno di poter visitare la città e di andare allo stadio. Ho già detto ad alcune persone che ci starei bene perché la città è molto bella come ho già visto in foto e video, spero un giorno di esserci. Il Coronavirus ha complicato le cose ma spero che tutto questo passi in fretta per realizzare il mio sogno il prima possibile.
Vorrei ringraziare Leonardo e la trasmissione Scienziati nel Pallone per avermi invitato. Sono molto felice di poter parlare della Samb, un amore iniziato nel 2016 e che con il passare degli anni si rafforza. Sono lontano dall’Italia, sono lontano da San Benedetto, ma sono lo stesso vicino alla Samb  perché il mio cuore è lì con la nostra squadra rossoblu. Lascio qui un abbraccio a tutti i tifosi che vivono a San Benedetto, in altre città italiane e in altre città del mondo. Spero che questa pandemia finisca presto per poter fraternizzare insieme, tifare al Riviera delle Palme e per poter vedere sempre più da vicino la nostra Samb. Vi saluto e vi mando un abbraccio, a presto.

Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.