GROTTAMMARE – Forze dell’Ordine in azione lungo la costa in questi giorni.

Un’operazione congiunta tra carabinieri delle Stazioni di Grottammare, Cupra e San Benedetto, uomini del Nil (Nucleo Ispettorato Lavoro) e Carabinieri Forestali di San Benedetto e Ascoli.

Nel mirino degli inquirenti gli illeciti ambientali ovvero il mancato rispetto delle norme a tutela dell’ambiente, gestione dei rifiuti pericolosi, sicurezza sul lavoro e leggi anti-Coronavirus. Sotto la lente dei controlli tre aziende a Grottammare, lungo il Tesino.

I Carabinieri Forestali della Stazione di San Benedetto, del Gruppo di Ascoli, insieme all’Arpam di Ascoli, hanno denunciato due titolari di ditte adibite alla manifattura tessile. Sono stati contestati reati inerenti alla gestione dei rifiuti pericolosi, all’immissione in atmosfera di fumi senza autorizzazione e violazione delle norme sulla salute sul posto di lavoro. Elevate sanzioni amministrative sulla mancata tenuta del carico e scarico dei rifiuti. Sotto sequestro un container contenente rifiuti pericolosi e un’area di stoccaggio per prodotti e rifiuti chimici.

I carabinieri delle Stazioni, insieme al Nil, hanno elevato nelle tre ditte 26 contravvenzioni (da 400 euro cadauna) per il mancato rispetto delle norme anti-Coronavirus.

Sospese le attività delle tre aziende interessate dai controlli poiché sono stati trovati dei lavoratori in nero, manodopera non regolarizzata.

I controlli proseguiranno nei prossimi giorni ad ampio raggio.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.