GIULIANOVA – Riportiamo e pubblichiamo un comunicato stampa, giunto in redazione il 10 febbraio, dalla Compagnia dei Carabinieri di Giulianova.

Nel mese di settembre del 2020, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Teramo, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Giulianova hanno avviato un’attività di indagine a carico di una famiglia di Mosciano Sant’Angelo. I militari dell’Arma, infatti, avevano scoperto che questo nucleo familiare, composto da una moglie di 36 anni, il marito di di 44 anni e del figlio di 19 anni, traevano la loro fonte di sostentamento unicamente dall’attività di spaccio di sostanze stupefacenti.

La spregiudicatezza con cui i tre agivano è sintomatica di una assoluta noncuranza e mancanza di rispetto per ogni regola del buon vivere, oltre al totale disprezzo per le leggi dello Stato, ed il nome dell’operazione dei Carabinieri di Giulianova trae origine proprio da questi presupposti: Dike, infatti, è la dea greca della giustizia, giustizia che è stata letteralmente profanata da questa famiglia, in particolare dalla moglie vera e propria mente di questa piccola organizzazione criminale che si spingeva a spacciare abitualmente rilevanti quantità di sostanze stupefacenti in pieno giorno, e proprio davanti all’ingresso principale del Tribunale di Teramo. In una circostanza i militari, durante uno dei vari servizi di controllo e pedinamento avevano scoperto la donna mentre stava cedendo una dose ad un tossicodipendente del luogonel piazzale antistante al Tribunale.

I Carabinieri avevano subito proceduto al controllo, ma la donna era risalita sulla sua auto, una potente RANGE ROVER EVOQUE, dandosi poi alla fuga e tentando di investire i militari intervenuti.

Le indagini hanno appurato che la moglie tra l’altro già sottoposta alla misura alternativa dell’affidamento in prova ai servizi sociali, per potersi allontanare indisturbata dal comune di residenza, aveva creato a Teramo un’attività commerciale di vendita di abbigliamento, che però ha cessato poco dopo ma che continuava ad utilizzare come giustificazione per assentarsi da casa e recarsi nel capoluogo teramano per spacciare stupefacenti.

I Carabinieri hanno appurato che proprio la RANGE ROVER EVOQUE utilizzata dalla donna, in realtà era stata acquistata da un tossicodipendente e consegnata alla donna per saldare i debiti di droga contratti con quest’ultima, e per garantirsi le ulteriori dosi fino all’equivalente del valore dell’auto stessa. La macchina, dal costo di oltre 40 mila euro, peraltro di un colore vistoso e quindi punto di riferimento per i tossicodipendenti di tutta la provincia di Teramo, è stata quindi sequestrata dai Carabinieri per la successiva confisca, essendo ritenuta frutto dell’attività illecita della 36enne e dei suoi familiari. Durante tutta la fase investigativa, durata circa tre mesi, i Carabinieri di Giulianova hanno documentato cessioni di droga, in particolare eroina e cocaina, per un valore complessivo di circa 15. mila euro, oltre al valore della RANGE ROVER EVOQUE.

Marito e moglie sono quindi finiti agli arresti domiciliari, mentre il figlio diciannovenne della coppia è stato sottoposto all’obbligo di firma giornaliero presso la caserma dei Carabinieri del luogo di residenza.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.