SAN BENEDETTO DEL TRONTO –  I carabinieri del Nas hanno sequestrato la documentazione riguardante la somministrazione dei vaccini anti-Covid-19 avvenuta il 2 e il 3 gennaio scorsi nell’Area Vasta 5 di Ascoli Piceno. Lo comunica l’Ansa Marche nel pomeriggio del 2 febbraio.

Un’iniziativa che fa seguito alla comunicazione dell’Ordine dei Medici alla direzione dell’Area Vasta 5 su “plurime segnalazioni riguardo la somministrazione del vaccino a soggetti non rientranti fra le categorie prioritarie, come lo sono i sanitari a contatto diretto con pazienti”.

Di seguente il nostro articolo precedente

Caos vaccini nel Piceno. Lettera dell’Ordine dei Medici: “Somministrazione a chi non era destinato”.

In particolare si riferiva di somministrazioni a personale amministrativo delle strutture sanitarie.

“Una polemica strumentale e vergognosa – ha detto all’Ansa il direttore dell’Area vasta 5 Cesare Milani -, abbiamo fin qui fatto 3.790 vaccinazioni e 2.700 seconde dosi. Certamente ci sono anche amministrativi, visto che lavorano in ambienti ospedalieri, Rsa comprese, e sono nostri dipendenti”.

“Voglio solo ricordare che i primi 6 dipendenti risultati positivi al Covid a marzo 2020 sono stati amministrativi in servizio al Cup. Per altro – le parole di Milani all’agenzia di stampa – abbiamo fatto vaccinare anche personale di ditte esterne che prestano servizio nelle strutture sanitarie, per le pulizie ad esempio. Non dovevamo farlo?”.

Il malumore dei medici è dovuto al fatto che oggi sarebbe dovuta iniziare la somministrazione del vaccino al personale odontoiatrico dell’Area Vasta 5, ma non ci sono vaccini disponibili.

“Le dosi sono arrivate oggi e stiamo programmando la somministrazioni sospese per il prossimo fine settimana – afferma Milani all’Ansa – abbiamo già vaccinato numerosi medici di base, pediatri. Oltre 200 nella sola giornata del 6 gennaio, e per alcuni è già stato fatto anche il richiamo. Presto completeremo il programma stilato”.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.