SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Neanche un “Distretto del Cibo” riconosciuto nella Regione Marche. E dire che nel 1998 a San Benedetto fu individuato il primo “Distretto Agro-Ittico-Industriale” d’Italia, e che la città è sede anche di un Centro Agroalimentare dove sono insediate decine di aziende del settore.

Fa specie, nell’elenco dei “Distretti del Cibo” che pubblichiamo al termine dell’articolo, notare come altre regioni (in tutto 14) abbiano almeno un Distretto del Cibo, il vicino Abruzzo ben 5, la Campania addirittura 23.

I “Distretti del Cibo” sono una macro-categoria nella quale confluiscono, oltre ai distretti rurali e ai distretti agroalimentari di qualità, anche “sistemi produttivi locali caratterizzati da una elevata concentrazione di piccole e medie imprese agroalimentari”, “sistemi produttivi locali caratterizzati da interrelazione e interdipendenza tra imprese agricole e agroalimentari nonché da una o più produzioni certificate”, “sistemi produttivi locali in aree urbane caratterizzati dalla significativa presenza di attività agricole volte alla riqualificazione ambientale e sociale”, i “biodistretti e distretti biologici”.

La Regione Marche, al momento, ha soltanto individuato i criteri per individuare i Distretti del Cibo (leggi qui).

Possibilità di accedere a finanziamenti e realizzazione di progetti per ottenere bandi, oltre che una visibilità nazionale: questi sono i benefici del riconoscimento del “Distretto del Cibo”.

Sulla questione interviene Nazzareno Torquati, ex assessore alle Attività Produttive del Comune di San Benedetto, presidente del Comitato di Indirizzo e Coordinamento del Distretto Agro-Ittico-Industriale a fine anni ’90 e attualmente imprenditore commerciale proprio nel settore biologico.

“Purtroppo le varie amministrazioni che si sono succedute a San Benedetto non hanno dato seguito all’importante riconoscimento del Distretto – ci dice – Sta di fatto che le Marche sono tra le poche Regioni a non avere nessun Distretto riconosciuto. Questo è un danno per il nostro territorio di gravissima entità. I distretti in agricoltura nascono come uno strumento di politica economica finalizzato a organizzare e sostenere i sistemi produttivi agricoli e agroalimentari locali e promuovere lo sviluppo delle Comunità delle aree rurali, la cui identità storica e culturale diventa tratto distintivo ed elemento da valorizzare, unitamente allo specifico paniere di prodotti tipici e a denominazione”.

“Perciò il distretto è da considerarsi anche metodo di governance dei sistemi rurali, basato sul partenariato pubblico privato locale e sulla governance multilivello. Dunque i distretti rappresentano una forma compiuta di applicazione del principio di sussidiarietà in ambito economico, con effetti di riequilibrio territoriale e impatti sociali rilevanti, quali il contrasto allo spopolamento di tali zone – continua – I Distretti del cibo nascono al fine di fine di promuovere lo sviluppo territoriale, la coesione e l’inclusione sociale, favorire l’integrazione di attività caratterizzate da prossimità territoriale, garantire la sicurezza alimentare, diminuire l’impatto ambientale delle produzioni, ridurre lo spreco alimentare e salvaguardare il territorio e il paesaggio rurale attraverso le attività agricole e agroalimentari”.

“Nell’ambito di una prospettiva di fusione delle città costiero collinare essere con merito riconosciuti tra i Distretti del cibo rappresenta un momento importante e fondamentale” conclude.

Di seguito l’elenco dei Distretti del Cibo per regione.

 

ABRUZZO

  • DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITÀ OLIO DI OLIVA ABRUZZO
  • DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITÀ VINO D’ABRUZZO
  • DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITÀ PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI D’ABRUZZO
  • DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITÀ LATTE D’ABRUZZO (IN LIQUIDAZIONE)
  • DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITÀ CARNE D’ABRUZZO

BASILICATA

  • DISTRETTO RURALE DELLE COLLINE E MONTAGNA MATERANA
  • SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE POLLINO – LAGONEGRESE
  • DISTRETTO AGROINDUSTRIALE DEL VOLTURE
  • DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA’ DEL METAPONTINO

CALABRIA

  • DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITÀ DI SIBARI
  • DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITÀ DELLA PROVINCIA DI CROTONE
  • DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITÀ DEL LAMETINO
  • DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITÀ PIANA DI GIOIA TAURO E AREA DELLO STRETTO
  • DISTRETTO RURALE DELL’ALTO JONIO COSENTINO
  • DISTRETTO RURALE DELLA SILA
  • DISTRETTO RURALE DEL POLLINO – VERSANTE CALABRO
  • DISTRETTO RURALE ‘SERRE CALABRESI’
  • DISTRETTO RURALE REVENTINO
  • DISTRETTO RURALE DEL MEDIO IONIO CATANZARESE E DELLA VALLE DEL CROCCHIO SOCIETÀ CONSORTILE A RESPONSABILITÀ LIMITATA

CAMPANIA

  • DISTRETTO DEL TERRITORIO DELLE ACQUE
  • TERRA SANNITA
  • DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA’ SANNIO
  • DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA’ DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO
  • MELA ANNURCA CAMPANA IGP
  • NOCCIOLA DI GIFFONI IGP
  • DISTRETTO RURALE E CULTURALE CILENTO ANTICO
  • DISTRETTO LITORALE DOMITIO FLEGREO E LIBURIA FELIX
  • PENISOLA SORRENTINA E AMALFITANA
  • DISTRETTO DEL BUON VIVERE: CIBO, ACQUA E SALUTE – DIRAS
  • COLLINE SALERNITANE DOP E COLLINE DELL’UFITA DOP – L’ORO DELLA CAMPANIA
  • TERRE BASILIANE DEL CILENTO
  • CASTAGNE E MARRONI DELLA CAMPANIA
  • VINI DI IRPINIA
  • FILIERA ZOOTECNICA LATTE CAMPANA
  • VESUVIO
  • ALTO CASERTANO
  • AGRO SARNESE VESUVIANO
  • PIANA DEL SELE
  • TERRA DI LAVORO
  • DISTRETTO PARCO NAZIONALE DEL CILENTO, VALLO DI DIANO ED ALBURNI
  • CAMPANIA IN GUSCIO
  • LIMONE COSTA D’AMALFI IGP

EMILIA ROMAGNA

  • DISTRETTO DEL CIBO DEI SALUMI DOP PIACENTINI

LAZIO

  • BIODISTRETTO VALLE DI COMINO
  • BIODISTRETTO ETRUSCO ROMANO
  • BIODISTRETTO VIA AMERINA E DELLE FORRE
  • DISTRETTO RURALE ED AGROENERGETICO DELLA VALLE DEI LATINI
  • DISTRETTO RURALE DELLA MONTAGNA REATINA
  • DISTRETTO RURALE DEI MONTI CIMINI
  • DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITÀ DELL’ORTOFRUTTA
  • DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITÀ DEI CASTELLI ROMANI E PRENESTINI

LIGURIA

  • BIODISTRETTO VAL DI VARA VALLE DEL BIOLOGICO

LOMBARDIA

  • DISTRETTO AGRICOLO DELLA BASSA BERGAMASCA
  • DISTRETTO AGRICOLO DELLA VALLE DEL FIUME OLONA – DAVO
  • DISTRETTO AGRICOLO DELLE RISAIE LOMELLINE
  • DISTRETTO AGRICOLO MILANESE – DAM
  • DISTRETTO DEL VINO DI QUALITÀ DEL VINO DELL’OLTREPÒ PAVESE – BONARDA E PINOT NERO
  • DISTRETTO DELLA FILIERA AVICOLA LOMBARDA
  • DISTRETTO DELLA FILIERA CEREALICOLA LOMBARDA
  • DISTRETTO LATTE LOMBARDO DLL
  • DISTRETTO NEORURALE DELLE TRE ACQUE DI MILANO – DINAMO
  • DISTRETTO VIVAISTICO PLANTAREGINA
  • DISTRETTO RURALE RISO E RANE
  • DISTRETTO RURALE VALLE DELL’ADDA
  • DISTRETTO FLOROVIVAISTICO ALTO LOMBARDO
  • DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITÀ PO DI LOMBARDIA
  • DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITÀ ‘VALTELLINA CHE GUSTO!’
  • DISTRETTO AGRICOLO ADDA MARTESANA
  • DISTRETTO AGRICOLO BIOLOGICO CASALASCO VIADENESE

PIEMONTE

  • DISTRETTO FLORICOLO DEL LAGO MAGGIORE
  • DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITÀ DEL SETTORE ORTICOLO
  • DISTRETTO DEL RISO DEL PIEMONTE

PUGLIA

  • DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITÀ ‘TERRE FEDERICIANE’
  • DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITÀ JONICO-SALENTINO
  • DISTRETTO PRODUTTIVO FLOROVIVAISTICO PUGLIESE
  • DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITÀ ‘PUGLIA FEDERICIANA’

SARDEGNA

  • DISTRETTO RURALE BARBAGIA

SICILIA

  • DISTRETTO DELCIBO BIO SLOW PANE E OLIO
  • DISTRETTO DEL CIBO DEL SUD EST SICILIANO
  • DISTRETTO DEL CIBO DEL SUD EST SICILIA – ETNA VAL DI NOTO
  • DISTRETTO DELLE FILIERE E DEI TERRITORI DI SICILIA IN RETE
  • DISTRETTO DEL CIBO SIKANA BIO – MEDITERRANEO
  • DISTRETTO DEL CIBO DEI NEBRODI -VALDEMONE
  • DISTRETTO DEL CIBO ‘BORN IN SICILY ROUTES – VAL DI MAZARA’

 TOSCANA

  • DISTRETTO RURALE DELLA MAREMMA
  • DISTRETTO RURALE DELLA LUNIGIANA
  • DISTRETTO FLORICOLO LUCCA PISTOIA
  • DISTRETTO VIVAISTICO ORNAMENTALE PISTOIA
  • DISTRETTO RURALE DELLA MONTAGNA PISTOIESE
  • DISTRETTO RURALE MONTALCINO S. GIOVANNI D’ASSO
  • DISTRETTO RURALE DEL CHIANTI
  • DISTRETTO RURALE TOSCANA SUD
  • DISTRETTO RURALE DI FIESOLE
  • DISTRETTO RURALE DI VALDARNO
  • DISTRETTO RURALE DELLA VAL DI CECINA

VENETO

  • DISTRETTO DEL CIBO BIO VERONA

Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.