ARTICOLO PUBBLIREDAZIONALE – Si potrebbe liquidare il termine “tecnica” con il significato etimologico di arte, in realtà nella parola tecnica si condensa un sapere fatto sia di norme che di pratica, un’attività che unisce sia intelletto che manualità. Una tela (al tessere rimanda la radice “tec” della parola) che concretamente disegna il mondo delle competenze professionali. Quelle competenze che l’Istituto tecnico Fazzini promuove nei suoi studenti unendo, in quattro indirizzi di studio, i fili del sapere scientifico a quelli della tecnologia. Se l’informatica e le telecomunicazioni sono la trama ineludibile e comune del mondo contemporaneo, l’orizzonte futuro a cui il mondo del lavoro tende si mostra attraverso finestre non solo virtualmente sconfinate ma anche tangibili nel locale e da spalancare già a scuola.

 

La prima è quella che si apre sull’indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio. La sinergia tra scuola e realtà professionale locale è da sempre uno degli aspetti vincenti di questo indirizzo che vanta, negli anni, un tasso di occupazione dei suoi studenti, post diploma, davvero significativo: sono talvolta proprio gli studi professionali che favoriscono l’esperienza di PCTO degli alunni e il Collegio dei geometri di Ascoli Piceno, da sempre attento al percorso formativo dei futuri professionisti, ad aprire le porte e ad accogliere nel mondo del lavoro i diplomati del corso CAT del Fazzini; diplomati che, altresì, scelgono di intraprendere gli studi universitari nelle facoltà affini all’indirizzo (in primis architettura e ingegneria) con grande merito di risultati e di carriera. Per l’a. s. 2021-2022 Il Collegio dei Geometri ha scelto di investire sul percorso di studi dei futuri diplomati sostenendo l’iscrizione di tutti quei ragazzi che vorranno intraprendere il corso CAT presso l’istituto Fazzini-Mercantini: è questa la risposta fattiva di un mondo professionale che in virtù dei bisogni di un territorio fortemente provato, negli anni precedenti dal sisma, oggi dalla pandemia, vuole riscattarsi, risollevarsi e ricomporsi (anzitutto in sicurezza), e per farlo ha bisogno di nuovi esperti del mestiere.

 

L’altra finestra è quella che, invece, conduce i ragazzi nel mondo della grafica e della comunicazione. Attraverso un percorso di studi che valorizza la creatività e l’originalità, messe al servizio dei linguaggi multimediali sia visivi che grafici, lo studente a conclusione dei cinque anni potrà già fare il suo ingresso nei settori della pubblicità, della grafica, dell’editoria o confermare e ampliare le sue competenze scegliendo di proseguire la formazione in una facoltà universitaria idonea. Il campo della comunicazione interpersonale e di massa rappresenta uno degli spazi di indagine più sconfinati e in continuo divenire della nostra società, sia per le modalità sempre nuove che definiscono il linguaggio comunicativo, a sfondo tanto personale quanto soprattutto pubblicitario, sia per la tecnologia che supporta tali modalità. Uno spazio che richiede continuamente nuove figure professionali, nuovi percorsi professionalizzanti e nuovi strumenti. Ecco perché l’IIS Fazzini ha puntato su questo corso di studi, oggi alla sua seconda annualità, e per farlo ha richiesto e ottenuto un finanziamento consistente all’interno del progetto “Una grafica tutta… Nuova” finalizzato alla realizzazione di un laboratorio tecnico-pratico di grafica computerizzata con attrezzature e software di ultima generazione, nonché di uso professionale, affinché gli studenti possano da subito padroneggiare gli strumenti del mestiere.

 

Finestra dai contorni sconfinati è quella dell’indirizzo Trasporti e Logistica, in quanto questo percorso di studi ha connaturato in sé l’orizzonte internazionale, per non dire globale, delle competenze e dell’agire professionale. Sarebbe troppo riduttivo pensare a un settore che offre opportunità lavorative solo in relazione all’indagine strategica e funzionale dei processi di ogni settore produttivo, in particolare quello della movimentazione delle merci. Le discipline che afferiscono a questo campo di studi assicurano una formazione altamente professionalizzante che può essere spesa in molteplici comparti lavorativi e apre a carriere non solo civili ma anche militari. A confermarlo è il Tenente di Vascello Nicola Pontillo ospite all’incontro POR di lunedì 18 gennaio ore 18:00, per aiutare gli studenti nella scelta di un indirizzo, quello dei trasporti e della logistica, che si radica in maniera sinergica in un territorio che ha da sempre nel mare un’opportunità di lavoro spendibile e preziosa: non, in questo caso, nell’imperativo del solo “andare per mare” ma nel conoscere il mare come corridoio di incontri e di scambi, magari da tecnico portuale o, perché no, da ufficiale di marina esperto di meteorologia o di sistemi radar. La scelta universitaria è un altro possibile approdo di questo corso di studi che fa della scientificità e della specificità di alcuni saperi  uno dei suoi punti di forza.

 

Tutti i corsi delineati sono stati individuati e intercettati in quanto offrono opportunità connesse ma non limitate al territorio. Le competenze tecniche che ciascun curricolo di studi promuove sono tanto specifiche quanto qualificanti e garantiscono quella “unicità” che aiuta a superare le barriere del “troppo numeroso” proprie a tanti corsi e a tante professioni e del “solo in casa” dato come pregiudiziale prospettiva lavorativa. Inoltre il diploma afferente a questi indirizzi apre una finestra sul mondo della scuola a chi vuole affacciarsi non più da studente ma da insegnante tecnico-pratico sul sapere maturato in aula.

 

Giovedì 21 gennaio, a seguito di numerose richieste giunte alla scuola nei giorni passati e per quanti vorranno prenotarsi al numero 0735-586067, l’IIS Fazzini-Mercantini metterà a disposizione spazi e personale scolastico per una visita guidata, in presenza, delle due sedi e per fornire indicazioni sulle procedure di iscrizione.

 

 


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.