CHE SAMBA. La bella vittoria a Salò ha confermato che la Sambenedettese può ambire ad una delle primissime posizioni. La prestazione è stata quella di una squadra che sa il fatto suo con un giocatore come Botta che sta facendo la differenza come nelle aspettative della tifoseria rossoblu. Almeno tre passaggi gol nella prima mezzora poi un gol sfiorato perché sbilanciato da un difensore, una magia in area per il gol del raddoppio. Subito dopo finalmente un portiere (Nobile) che percorrerà la strada dei tanti numero uno che hanno vestito la maglia, prima nera, sin dalla sua nascita: ben 24 di loro hanno difeso la porta in serie A dopo aver militato nella Samb.  Lescano si sta dimostrando micidiale di testa e in acrobazia. Angiulli non si discute, è entrato nel cuore dei sambenedettesi sia per come gioca che per l’amore verso la città e i suoi tifosi.

Nocciolini dopo un inizio di campionato sontuoso è diventato una riserva e il suo rendimento ne sta risentendo: resta comunque un attaccante di lusso per la categoria.

Maxi Lopez si sta dimostrando uomo spogliatoio o squadra, fate voi ma siamo certi che è in grado di andare in doppia cifra come gol ma sarà anche utilissimo per tenere impegnati due difensori entrando nei finali di gara con gli avversari stanchi. Masini si è guadagnato il posto sulla fascia destra e darà sempre di più da adesso in poi. Shaka Mawuli è per me ancora un punto interrogativo, se non altro perché non ha ricoperto lo stesso ruolo per più partite ma non gli mancano i mezzi per diventare la vera sorpresa di tutta la serie C. Per Bacio Terracino vale il discorso fatto per Nocciolini: è un giocatore di categoria che sarà utile per il doppio ruolo di centrocampista e attaccane.

Nove giocatori che in campo, subito o durante la gara saranno sempre in campo. Tutti insieme sin dall’inizio pare di no ma non si sa mai se il loro rendimento crescerà.

Tra gli altri non riesco ancora ad individuare giocatori meritevoli di un posto fisso nei primi undici. Guarda caso, tranne D’Angelo e Malotti che collezioneranno molti minuti, tutti i difensori.

Secondo me Zironelli non ha ancora individuato i tre migliori per impiegarli sempre insieme e farli affiatare come necessario nel reparto arretrato. Io la penso così: se nel mercato di compravendita in corso, la società troverà un centrale esperto (con passato nelle categorie superiori come li ha in attacco) sotto la sua guida,  i due che  si guadagneranno il posto tra Biondi, Cristini, Di Pasquale, D’ambrosio e Enrici renderanno molto di più. Insomma serve una specie di maestro dell’area di rigore, vedi Cagni negli anni ottanta.

Anche a centrocampo servirebbe un giocatore simile a meno che non ci riescano D’Angelo o Angiulli o Rocchi a non farne sentire la mancanza.

Ho citato 16 giocatori che continueranno sicuramente a riempire il tabellino nelle prossime partite. Le capacità degli altri non riesco ancora ad individuale con la necessaria precisione.

Un organico insomma che fa ben sperare insieme ad un tecnico bravo anche se ancora non molto esperto. Un tecnico di esperienza infatti, nel post gara di Salò, non avrebbe mai ripetuto quattro volte che la Samb ha 30 punti, lasciando intendere che dovrebbe essere… sazia.

Magari voleva intendere altro per cui gli consiglio di chiarire nel prossimo incontro con la stampa.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.