SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In merito alla possibilità di vendita di Parco e Villa Laureati, il Comitato di Quartiere Salaria, dove insiste l’area Laureati, ha inviato alla nostra redazione il seguente comunicato stampa. Di seguito anche l’articolo della possibile vendita.

La famiglia Laureati vende Villa, Parco e Torre Guelfa. Se ne occupa Engel & Völkers, colosso multinazionale tedesco

 

Noi Comitato di Quartiere Salaria, siamo oggi qui, come lo siamo stati in passato, pronti a riportare all’attenzione di tutta la città un bene, seppur privato, di notevole importanza  quale è quello della Villa e del Parco Laureati, della Torre Guelfa e della Caserma Guelfa.  

In questi anni abbiamo cercato perlopiù di confrontarci con i proprietari, con  l’amministrazione comunale e, dall’anno scorso, anche con il Fai Giovani di San  Benedetto del Tronto ma con pochissimi riscontri a favore del bene stesso (infatti oggi  sono “alla ribalta” soltanto Villa Cerboni e la Torre sul Porto della Sentina, ma ricordiamo a  tutti che San Benedetto del Tronto ha tanti altri luoghi da valorizzare e conservare, la maggior parte censiti sul sito del Fai, www.fondoambiente.it).  

Dopo anni di dibattiti e di interrogazioni, c’è la volontà di intervenire in qualche maniera per  poter riaccendere l’attenzione su una realtà di altissima importanza archeologica, storica, culturale ed ambientale per la nostra città.  

Come comitato di quartiere Salaria vogliamo unire la nostra voce a quella di altri cittadini che si sono espressi, soprattutto in questi giorni, a favore della salvaguardia del bene e del  suo utilizzo da parte della collettività.  

Di recente, i proprietari tra cui rientra anche la parrocchia Ss. Annunziata hanno dato mandato di vendita ad un’agenzia tedesca che si impegnerà a trovare un compratore elaborando un progetto di investimento per la villa e per il parco.  

Esprimiamo come Comitato la nostra condizione/richiesta, quella cioè che tale progetto veda come futura destinazione del complesso di Villa Laureati, oltre l’osservanza degli attuali vincoli di Legge, la preminenza dell’interesse della comunità cittadina che ha sempre sentito la proprietà dei Laureati come un bene prezioso e storico per tutti.  

Il Comitato di Quartiere Salaria, s’impegnerà a seguire l’iter nonché a conoscere e condividere il progetto (corsivo originale, ndr) che si intende far sviluppare da parte di uno studio di esperti esterno.  

Nello stesso tempo crediamo nella partecipazione e nella creatività del tessuto cittadino, e siamo pronti a lanciare una nostra proposta:  

– vorremmo ascoltare e raccogliere le proposte, i progetti, le opinioni di tutti Voi cittadini, di  tutti coloro che conoscono la realtà di cui parliamo attraverso i propri genitori, nonni e  bisnonni.  

Insomma, vogliamo proporre una “call di idee”.  

Nel proseguire la nostra call di idee, siamo aperti al confronto e al dibattito. Invitiamo tutti: dai professionisti del settore dell’edilizia come progettisti, architetti,  geometri ai cittadini affinché possano proporre quante più idee e progetti si possano  raccogliere tenendo conto di questi criteri ben precisi:  

  1. Salvaguardare e ristrutturare quanto già esiste, tutelandolo;
  2. Valorizzare il patrimonio artistico, geologico, ambientale e storico del luogo;
  3. Rendere fruibile alla cittadinanza l’intero parco Laureati;
  4. Avere attenzione particolare ai giovani ed alle nuove generazioni, puntando su una realtà che li possa coinvolgere direttamente.

Per un grande progetto, partiamo dalle idee e da questi criteri per arrivare all’idea migliore, che certamente potrà prevedere anche la sinergia con risorse private, ma la  guida e la finalità deve essere pubblica, se questa città vuole cambiare marcia e  riprendersi la propria storia.  

Potete scrivere le vostre idee e mandarcele all’indirizzo mail del comitato:  comitato@quartieresalaria.it.  

Oppure potete visitare il sito web www.quartieresalaria.it presso il quale dedicheremo una  pagina esclusiva al tema.  


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.