TERAMO – Malvivente solitario in azione nel Teramano, fermato dalle Forze dell’Ordine.

Nella giornata di ieri, 9 dicembre, personale della Squadra Mobile di Teramo ha tratto in arresto, in flagranza di reato, per rapina aggravata un 34enne teramano.

Dalla Questura, in una nota stampa diffusa il 9 dicembre, affermano: “L’uomo, pregiudicato, è stato fermato, a bordo della sua autovettura, poco dopo aver compiuto una rapina ai danni del supermercato Tigre Amico situato a San Nicolò a Tordino in piazza Progresso”.

“In particolare l’uomo, intorno alle ore 18.55, dopo essere entrato all’interno del supermercato travisato con un passamontagna, aveva, dapprima, intimato alla cassiera di consegnargli i soldi, minacciandola con una pistola, poi risultata essere una semiautomatica a salve in metallo priva di tappo rosso, simile riproduzione della Beretta 98 e, subito dopo, alla fuga della donna, l’aveva raggiunta all’interno dell’ufficio del gestore dell’esercizio commerciale che si frapponeva fra i due – si legge nel comunicato stampa – A quel punto, il rapinatore, dopo aver afferrato di spalle il gestore puntandogli la pistola alla nuca lo spingeva fino alle casse costringendolo ad aprirle ed a farsi consegnare il denaro contenuto”.

Dalla Questura proseguono: “A quel punto il ladro si dava alla fuga. Il gestore dell’esercizio lo seguiva all’esterno per individuare la direzione di fuga ma il 34enne, accortosi di ciò, gli puntava la pistola facendolo desistere. Nell’autovettura del rapinatore personale della Squadra Mobile rinveniva la pistola completa di caricatore rifornito di tre cartucce a salve ed un colpo a salve in canna, il passamontagna utilizzato per la rapina ed una busta contenente la refurtiva e composta da banconote di vario taglio per un totale di euro 2345″.

“L’uomo è stato associato al carcere di Vasto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria” concludono dalla Questura teramana.

 


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.