SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dopo due settimane fermi ai box a causa del focolaio di Covid-19 propagatosi all’interno dello spogliatoio veneto, il Legnago è pronto a tornare in campo al “Riviera”, col calcio d’inizio in programma domenica alle ore 15.

L’ultimo ciclo di test diagnostici, effettuato nella giornata di ieri, ha infatti confermato che c’è il numero di giocatori necessario per giocare e di conseguenza, il club veneto ha ricevuto l’ok per la trasferta da parte della Lega.

Una buona notizia per il prosieguo del campionato, con la Samb che, una volta recuperata la sfida con l’Arezzo del 2 dicembre, avrà lo stesso numero di gare disputate rispetto alle dirette avversarie e si potrà dunque avere una visione più chiara della graduatoria. Per i biancocelesti sono invece due i turni da recuperare (la trasferta di Fano e la gara interna con l’Imolese) e, in caso di vittorie, potrebbero migliorare ulteriormente la propria posizione in classifica.

Attualmente i veneti si trovano al 13esimo posto e nel corso delle prime 10 sfide di campionato sono riusciti a fermare sul pari compagini molto blasonate come Padova, Feralpisalò e Carpi, oltre ad aver battuto con un secco 3 a 0 la Triestina. Altra statistica importante è che i ragazzi di mister Massimo Bagatti, sono gli unici del girone B a non aver mai perso in trasferta. Un ottimo inizio per una squadra giovanissima (solo 24 anni di media nella rosa) partita con l’obiettivo salvezza, che non ha una grande tradizione in Serie C (è alla 4a partecipazione in 3a serie, dove mancava dalla stagione 1947/48).

L’ EX DI TURNO: si tratta di Francesco Grandolfo, punta centrale classe ‘92, in rossoblu fino allo scorso anno (con Montero fu autore di una sola rete in sette presenze). Quest’estate è sbarcato a Verona dove ha ritrovato sia la titolarità sia la via del gol (8 presenze e 2 centri che lo rendono il miglior marcatore dei veneti).

IL PRECEDENTE: quella tra Samb e Legnago è una sfida inedita in Serie C, ma tornando indietro di qualche anno troviamo un precedente a dir poco acceso tra queste due squadre: nel 2011/12 in occasione dei quarti di finale play off di Serie D, ebbero la meglio gli ospiti 4-5 dopo la lotteria dei calci di rigore. La Samb, nel corso dei tempi regolamentari, era riuscita a pareggiare 1-1 in extremis grazie ad una punizione di Giorgio Di Vicino, nonostante i rossoblu di Ottavio Palladini fossero ridotti in 8 uomini per via delle espulsioni di Nicolosi, Cuccù e Puglia).

L’ARBITRO: il direttore di gara sarà Gino Garofalo della sezione di Torre del Greco. Per lui, due precedenti con la Samb entrambi vittoriosi per i rossoblu (Jesina-Samb 0-2 del 22 novembre 2015; Samb-Albinoleffe 3-0 del 14 aprile 2019). I suoi assistenti saranno il signor Giovanni Dell’Orco della sezione di Policoro e il signor Federico Votta della sezione di Moliterno, mentre il Quarto Ufficiale designato sarà Daniele Rutella della sezione di Enna.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.