SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Anche quest’anno, aderendo alla proposta del Comitato Provinciale Unicef, l’Amministrazione comunale di San Benedetto del Tronto ha deciso di illuminare di blu il monumento al Pescatore di Cleto Capponi alla radice del molo sud per celebrare la data del 20 novembre proclamata “Giornata Mondiale dell’Infanzia” nel 31° anniversario dall’approvazione della “Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza”.

L’iniziativa si chiama “Go Blue”: illuminando di blu un monumento simbolico, la città chiede che ad ogni bambino, bambina e adolescente, sia garantito ogni diritto.

“L’adesione alla proposta dell’Unicef è stata immediata e convinta – dice l’assessore alle politiche sociali Emanuela Carboni – questo Comune da sempre rivolge una attenzione particolare alle necessità dei più piccoli, a maggior ragione in un periodo nel quale la limitazione degli spostamenti e la didattica a distanza per ampie fasce di studenti condizionano non poco la loro crescita armoniosa. Il nostro personale che opera nei nidi d’infanzia e quello preposto alle attività scolastiche è impegnato al massimo per attenuare gli effetti di questa situazione, le attività educative che proponiamo anche a distanza cercano di mantenere vivo il legame con le famiglie e con i loro piccoli. Voglio ancora ricordare che lunedì prossimo 23  novembre il Comune e il nostro Garante per l’Infanzia proporranno un momento di confronto proprio su questi temi con la partecipazione di Virginia Barchiesi, volontaria marchigiana del gruppo giovani dell’Unicef Italia e Alfiere della Repubblica, una ragazza divenuta il simbolo della voglia dei ragazzi di non arrendersi alle conseguenze della pandemia. Invito tutti a collegarsi per seguire il confronto tra Virginia e i ragazzi delle scuole del territorio collegandosi dalle 9 su YouTube a questo indirizzo: https://youtu.be/Ks-95BHR6dw “.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.