FERMO – Malgrado tutte le Forze di polizia fermane siano notevolmente impegnate nei controlli sul rispetto delle normative nazionali, regionali e comunali emanate per la tutela della salute dei cittadini, la Questura di Fermo continua senza sosta i servizi di monitoraggio del quartiere costiero di Lido Tre Archi a Fermo.

Anche ieri pomeriggio, 18 novembre, sono stati attuate le mirate attività di prevenzione e sicurezza della Polizia di Stato con la sempre preziosa collaborazione dell’unità cinofila della Guardia di Finanza.

Dalla Questura fermana, in una nota stampa diffusa il 19 novembre, dichiarano: “Una bella giornata di sole ha determinato la presenza di numerose persone anche nella zona litoranea consentendo l’identificazione di 70 persone ed il controllo di 50 veicoli, sia in transito che in sosta. Gli operatori della Squadra Mobile, sotto il profilo della prevenzione, hanno controllato tutti gli appartamenti sigillati nella metà del corrente anno a seguito dell’emanazione dell’ordinanza sindacale, non riscontrando nuovi tentativi di intrusione”.

Per quanto riguarda gli accertamenti per il contrasto alla diffusione dell’epidemia, sono state acquisite 20 autodichiarazioni di persone provenienti da Comuni limitrofi, sulle quali sono in corso i previsti accertamenti di legittimità: “Anche a Lido Tre Archi, malgrado i continui inviti al senso di responsabilità di ogni persona per il rispetto delle disposizioni determinate dalla attuale situazione sanitaria, sono state elevate 7 sanzioni amministrative per il mancato rispetto del divieto di spostamento, senza giustificato motivo, e per l’indisponibilità o il mancato utilizzo delle mascherine di protezione”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.