SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’aumento costante della necessità di ricoveri per pazienti Covid-19, soprattutto in reparti di “non intensiva”, ha costretto la direzione dell’Area Vasta 5 ad intervenire aumentando la disponibilità di posti letto Covid-19 all’Ospedale di San Benedetto del Tronto.

In una lettera firmata dal dottor Giancarlo Viviani in sostituzione del direttore Cesare Milani e dalla dottoressa Ilaria Pellegrini si fa riferimento “all’attivazione di 15 posti letto di ricovero ordinario, nel reparto Covid 2“, presso il 4° piano dell’ospedale di San Benedetto, a partire dalle ore 15 di ieri, lunedì 16 novembre; e inoltre “13 posti letto di semi-intensiva Covid presso la Medicina d’Urgenza, al Piano -1“, e sempre dalle 15 del 16 novembre.

Questo “in relazione alla gravissima emergenza Covid in Area Vasta 5, vista la saturazione di tutti i posti letto attivati in Osservazione Breve Intensiva e Medicina d’Urgenza di Ascoli e San Benedetto, in Anestesia e Rianimazione di San Benedetto, in Pneumologia Covid di Ascoli, in unità operativa ordinaria Covid di San Benedetto” e “considerata la mancata disponibilità per trasferimenti in altri ospedali, visto quanto stabilito dall’Unità di Crisi in data 9 novembre”.

Va ricordato che già alla data di ieri, 16 novembre, San Benedetto ospitava 17 pazienti Covid-19 in terapia intensiva, 8 in Semi-Intensiva e 32 in reparti non intensivi per un totale di 57 posti letto (ad Ascoli invece il totale è di 32, di cui 6 in Semi-Intensiva e 26 in reparti non intensivi).

Con questo ulteriore aumento i posti letto complessivi a San Benedetto, destinati a pazienti coronavirus, ammonteranno a ben 85, di cui gli attuali 17 in intensiva, 26 in Semi-Intensiva e 45 in reparti non intensivi.

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.