SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Due gol incassati e quarta sconfitta in cinque gare. Così si è concluso il turno infrasettimanale della Vis Pesaro, sconfitta per 2-0 dal Cesena in un “Benelli” avvolto dalla nebbia. Caligine che sembra aver offuscato, oltre che la serata, anche le idee dei giocatori in campo, i quali non sono mai riusciti ad impensierire severamente la retroguardia ospite.

Le tante defezioni, che lo hanno costretto al cambio di modulo, non rappresentano un alibi per mister Di Donato (erano assenti Gelonese, Benedetti, Ejjaki, Tessitore e Lazzari sulla mediana, oltre a Cannavò in attacco). Ciò che è mancato, a detta del neo allenatore vissino, è stato il mordente: “Dobbiamo darci una svegliata – ha dichiarato nel post partita – non ho visto la cattiveria necessaria per portare a casa il risultato, a San Benedetto deve cambiare qualcosa”. Stasera al “Riviera” dunque non mancheranno di certo le motivazioni per uscire dalla calda zona play out, con i biancorossi chiamati a riscattare un cammino che fin qui non ha rispecchiato le aspettative pre-campionato.

Di seguito l’andamento della Vis Pesaro nelle prime 10 partite stagionali (6 sconfitte, 2 pareggi e 2 vittorie):

Vis Pesaro – Legnago Salus 2-2

Modena – Vis Pesaro 3-1

Ravenna – Vis Pesaro 2-1

Vis Pesaro – Matelica 2-1

Virtus Verona – Vis Pesaro 0-0

Vis Pesaro – Triestina 0-1

Perugia – Vis Pesaro 2-1

Vis Pesaro – Gubbio 1-0 (esonero di mister Giuseppe Galderisi)

Feralpisalò – Vis Pesaro 1-0

Vis Pesaro – Cesena 0-2

Daniele Di Donato (subentrato all’ottava giornata al posto di Galderisi, nonostante la vittoria di quest’ultimo contro il Gubbio) è alla seconda esperienza su una panchina di Serie C. Per il classe ‘77, esperienze in passato con l’Arzignano Valchiampo, col quale ha ottenuto la promozione tra i professionisti, e con l’Arezzo nel girone A. Mister Di Donato è solito schierare in campo i suoi ragazzi col 3-4-1-2, ma in caso di necessità utilizza anche la difesa a quattro (come si è visto nella partita contro il Cesena, con Pezzi che può arretrare sulla linea dei difensori).

Gli uomini più pericolosi per la nostra retroguardia, li troviamo nel reparto avanzato. Oltre a De Feo (che l’anno scorso decise il match beffando i rossoblu nel finale) particolare attenzione andrà rivolta ad Ettore Marchi. Per il numero 7, un passato importante tra Gubbio, Triestina, Pro Vercelli, Monza e Juventus U23 con le quali ha collezionato in totale 472 presenze e 108 reti (una delle più belle proprio al “Riviera” da 50 metri nel gennaio 2018 in Samb-Gubbio 1-1). A centrocampo occhio all’ex di turno Luca Gelonese (94 presenze con Samb nel corso dell’era Fedeli) che con la maglia biancorossa ha già collezionato 6 presenze ed un gol.

I PRECEDENTI: quella tra Samb e Vis Pesaro è una sfida dalla storia quasi centenaria. Il primo incontro risale addirittura al 1° maggio 1927 e si concluse con una vittoria schiacciante dei rossoblu per 5-1. Il bilancio totale dei 23 precedenti in casa Samb è di 11 vittorie rossoblu, 6 vittorie per i pesaresi e 6 pareggi.

ARBITRO: il direttore di gara sarà Simone Galipò di Firenze, coadiuvato dagli assistenti Alessandro Munerati di Rovigo e Stefano Franco di Padova. Quarto uomo: Daniele De Tommaso, della sezione di Rimini.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.