TERAMO – Riportiamo e pubblichiamo una nota stampa, giunta in redazione l’11 novembre, della Questura di Teramo. 

E’ iniziata da ieri la fase più serrata dei controlli su strada nelle diverse fasce orarie per il rispetto delle previste prescrizioni per tutti volte a ridurre i possibili contagi da Covid-19: dall’uso delle” mascherine” al divieto di assembramenti.

Ieri la Volante, dapprima in un noto Bar già contravvenzionato nei decorsi giorni, poi nel pomeriggio nei pressi di altro simile esercizio pubblico, nonché presso il parco di via Tripoti e Corso San Giorgio, ha dovuto riscontrare ripetute infrazioni alle disposizioni vigenti.

In totale le contestazioni amministrative hanno riguardato 6 persone perché non indossavano il previsto Dpi (meglio noto come mascherina), mentre il titolare di un bar di viale Crispi è stato sanzionato per non aver esposto la prevista cartellonistica circa l’accesso all’interno del locale e nell’occasione, peraltro, è stato anche sanzionato un cliente all’esterno sprovvisto di Dpi.

Lungo Corso S.Giorgio è stato identificato e sanzionato un quarantenne cittadino del posto, anch’egli privo della necessaria “mascherina”.

Diversificata l’età delle persone sanzionate: sia giovani, che attempati cittadini.

Con l’operatività da oggi delle limitazioni conseguenti all’inserimento dell’Abruzzo nella “Area arancione” sin dalle prime ore della mattinata la Volante ha effettuato vari controlli in città per verificare che bar ed esercizi similari ottemperassero alle note prescrizioni che consentono, attualmente, solo l’asporto ma non la consumazione né all’interno né all’esterno dei locali.Non è stata riscontrata violazione.

Considerata la rilevanza della problematica che incide sulla salute di tutti i cittadini, i controlli proseguiranno con sempre massima attenzione.

 


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.