DA ESPRESSO ROSSOBLU N. 1432

SAN BENEDETTO – Non ci vuole lo studio per capire che il Perugia è più squadra della Samb ed è questo probabilmente il motivo per cui mister Zironelli decide di giocare con una sola punta (Lescano). Sembra una mossa giusta perché la Samb, agendo di rimessa, mette gli umbri in difficoltà grazie alla classe di Botta e alla vivacità di Sasha Mawuli.

Certo però che tenere Nocciolini in panchina appare una stranezza che i tifosi da casa fanno notare. In pratica dei presunti giocatori migliori oggi gioca soltanto Botta con Maxi Lopez fermo per infortunio. Oltre all’ex Ravenna anche Bacio Terracino in panchina. Contrasta con la mia teoria ma è chiaro che la Sambenedettese i giocatori più ‘efficaci’ li ha in attacco, tenerli in panchina riduce l’efficacia offensiva della formazione rossoblu.

E credo anche dello stesso Botta che non vede accanto compagni in grado di far fruttare la sua grande classe. Una specie di regalo per ogni avversario che si deve preoccupare di meno e può pensare a fare tranquillamente il proprio gioco. Figuriamoci per una squadra come il Perugia di Caserta. Ma abbiamo intravisto un altro aggravante perché Botta si deve dannare  correndo moltissimo fino a perdere la necessaria lucidità, viste le sue caratteristiche.

Evidentemente Zironelli se ne accorge e  dopo un’ora migliora la qualità delle giocate mettendo in campo Bacio Terracino e Nocciolini. Magicamente il Perugia indietreggia e addirittura cerca di perdere tempo. La Samb si fa arrembante e attacca come dovrebbero fare tutte le squadre quando giocano in casa. Il Perugia si rifà sotto nel finale ma la Samb è più pericolosa nei minuti finali con alcuni scambi veloci tra Terracino e Nocciolini.

Passi oggi, visto l’avversario, ma la nostra speranza è che la Samb, nelle prossime gare, li metta in campo sin dall’inizio,


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.