FERMO – Riportiamo e pubblichiamo una nota stampa, giunta in redazione il 3 novembre, dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Fermo.

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile nel corso del controllo al territorio lungo la costa fermana hanno denunciato due persone straniere, uno di origini pakistane di anni 37, risultato clandestino in Italia. L’uomo, oltre a essere stato denunciato per inosservanza dei provvedimenti di espulsione, allo stesso è stato avviato l’iter per l’espulsione del territorio nazionale tramite la Questura di Fermo.

Un altro cittadino di origini albanesi di anni 28 veniva rintracciato in Porto Sant’Elpidio poiché insieme a ragazzi, altri nottetempo, ascoltavano musica ad alto volume all’aperto. Lo straniero ai militari intervenuti rifiutava di consegnare i documenti e veniva denunciato per rifiuto di indicazione sulla propria identità.

I Carabinieri della stazione di Porto San Giorgio hanno denunciato un cittadino italiano di anni 54, residente a Montegiorgio poiché durante la discussione con una cittadina russa, per futili motivi, con un piccolo coltello la feriva alla gamba. La donna veniva soccorsa da parte dei sanitari del 118 che prontamente sul posto saturavano la ferita. L’uomo veniva denunciato per lesioni aggravate e porto abusivo di strumenti atti ad offendere.

Inoltre, sempre i Carabinieri di Porto San Giorgio, a seguito di attività investigativa circa il danneggiamento dei bagni pubblici, riuscivano a identificare un giovane studente del posto, denunciandolo per il reato di danneggiamento. L’identificazione dell’autore del danneggiamento si è riusciti a risalire tramite la ricerca nei social network in quanto il giovane ha postato i beni danneggiati, di proprietà del Comune di Porto San Giorgio, sul social network instagram.

I carabinieri della stazione di Pedaso hanno denunciato una donna di anni 45 per il reato di diffamazione a mezzo social in quanto aveva pubblicato sul social network Facebook frasi offensivi nei confronti di una sua conoscenza.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.