ALBA ADRIATICA – I Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Teramo, con l’ausilio del militari delle Stazioni competenti, hanno eseguito nei giorni scorsi alcune verifiche per il rispetto dei Dpcm relativamente all’applicazione del protocollo di sicurezza Covid-19 sui luoghi di lavoro, nei confronti del personale occupato e delle norme di tutela del rapporto di lavoro e legislazione sociale.

Dalla Compagnia di Alba Adriatica affermano, in una nota stampa diffusa il 2 novembre: “Nella circostanza i militari della specialità dell’Arma dei Carabinieri hanno deferito in stato di libertà la titolare di un’azienda agricola che gestisce uno stabilimento oleario poiché non aveva fatto sottoporre quattro dipendenti, impiegati nel frantoio, alle prescritte visite mediche”.

“Nella circostanza veniva elevata una sanzione amministrativa per non avere adottato misure di informazione e di prevenzione del rispetto del rischio al rispetto epidemiologico all’interno del frantoio – si legge nella nota stampa della Compagnia – Inoltre, venivano individuati due collaboratori familiari, per i quali il datore di lavoro non aveva effettuato la relativa denuncia all’Inail”.

Dall’Arma abruzzese concludono: “Al termine del controllo veniva disposta la chiusura provvisoria dell’attività imprenditoriale per giorni uno ed elevate sanzioni amministrative per circa 2 mila euro”.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.