TERAMO – È un teramano trentunenne, Paolo Di Rocco, ad aver conquistato il terzo posto del Sounds of Silences 2020, il concorso Internazionale di Composizione Musicale per le Immagini organizzato da Edison Studio con la collaborazione del Romaeuropa Festival e il supporto della Cineteca di Bologna.

Dopo essere stato selezionato su 162 candidati provenienti da 36 Paesi, il teramano è andato in finale con una colonna sonora per il corto Umanomeno (1973) di Magdalo Mussio.

Primo classificato ex aequo, lo scorso anno a Treviso, nel Concorso nazionale “Luciano Vincenzoni” per soggetti cinematografici e musiche, Paolo Di Rocco inizia a 11 anni lo studio del violino presso il Conservatorio “G. Braga” di Teramo. Nel 2011 si diploma al corso triennale di Pianoforte presso la scuola Percentomusica di Roma. In seguito segue lezioni private di pianoforte classico e jazz.

Nel 2015 si laurea al Conservatorio “A. Casella” de L’Aquila con diploma di I livello in Musica elettronica-Composizione sotto la guida di Michelangelo Lupone e Agostino Di Scipio. Quest’anno ha conseguito la laurea di II livello in Musica Elettronica-Composizione per Musica Applicata alle Immagini, con il massimo dei voti e lode, sempre nel conservatorio aquilano con Carlo Crivelli e frequenta inoltre il Master di composizione tenuto da Roberta Vacca nell’ Istituto Musicale “G. Spontini” di Ascoli Piceno.

Tra il 2015 e il 2019 è stato autore di composizioni per la Festa di Mezza Estate di Roma, per Il semaforo blu (lettura in musica delle “Favole al telefono” di Gianni Rodari) sempre a Roma e per Nuovi Spazi Musicali ad Ascoli Piceno. Ha realizzato le musiche di scena per le rappresentazioni teatrali dell’attore Silvio Sarta e per il gruppo di danza contemporanea e-Motion di Francesca La Cava. È autore di rifacimenti di colonne sonore per cortometraggi. Svolge anche attività di cantante lirico come basso.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.