SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una Sala Operativa da dove coordinare l’emergenza Covid-19 nelle molteplici attività gestite dal Comitato di San Benedetto del Tronto della Croce Rossa Italiana.

Ecco la Sala Operativa della Cri di San Benedetto del Tronto: allestita al piano Interrato della sede di via Virginia Tedeschi 2, in quella che, fino a pochi mesi fa era adibita a sala corsi, è dotata di 5 postazioni fisse dove ogni giorno si susseguono 10 operatori dalle 7 alle 21 (con il turno notturno di reperibilità).

La Sala Operativa è una sorta di sala di regia delle attività che vedono impegnati i 250 volontari e i 9 dipendenti della Cri sambenedettese dove vengono coordinati:

servizi di consegna a domicilio della spesa e dei farmaci. Ad ogni turno vengono mediamente consegnati 20 tra spese e consegna medicine. Un servizio gestito in collaborazione con i Comune del territorio; ad oggi con più di 620 richieste e più di 12.854 km percorsi;

servizi legati all’unità di strada per i senza fissa dimora dove si sono consegnati beni di prima necessita, viveri, mascherine, articoli per l’igiene, the e bevande calde.

• servizi legati al progetto Sieroprevalenza del Ministero della Salute con ben 283 prelievi in ambulatorio, da aggiungere ai prelievi domiciliari.

Ciclosoccorso attivo da aprile al 15 settembre con 3 interventi effettuati.

• Servizio di Emergenza/Urgenza 118 con la postazione di vallata a Centobuchi di Monteprandone con ben 686 codici e 18.033km percorsi.

• servizio legato alla motorizzazione non solo con la gestione del parco mezzi, ma anche con quella della gestione delle pratiche burocratiche/sanificazione/decontaminazione dei mezzi;

• coordinamento con il Comitato nazionale e regionale di Croce Rossa Italiana;

gestione dei volontari.

Nella sala sono presenti 5 postazioni fisse Pc, e diverse postazioni informatiche mobili.

“Da quando è iniziata l’emergenza Covid-19 si lavora senza sosta – commenta il presidente Cristian Melatini -. Un lavoro incessante, che vede volontari e dipendenti impegnati su più fronti. Fondamentale il lavoro di rete con le istituzioni e le altre realtà associative. Solo lavorando insieme è possibile rispondere a tutte le emergenze sanitarie e le esigenze sociali della popolazione e combattere contro il Coronavirus“.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.