MONTEPRANDONE – Novità importante per una comunità della provincia di Ascoli.

Lunedì 12 ottobre, alle ore 11, nella sala nuova riunioni in piazza dell’Unità a Centobuchi, conferenza stampa di presentazione dello Sportello Impresa Giovani.

Sono intervenuti il sindaco Sergio Loggi, l’assessore alle politiche attive del lavoro e formazione professonale Gianpietro Vallorani, il consigliere con delega alle politiche giovanili Martina Censori e Francesco Ciarrocchi della cooperativa sociale Abilita, che gestirà il servizio.

Da lunedì 12 ottobre apre lo sportello Impresa Giovani, un servizio rivolto ai giovani dai 18 ai 35 anni che prevede l’imprenditoria giovanile e l’inserimento nel mondo del lavoro dei giovani del territorio.

Il servizio completamente gratuito offre consulenze a chi vuole avviare un’attività autonoma o d’impresa in alternativa al lavoro dipendente, orientarsi nel mondo del lavoro, conoscere agevolazioni e forme di finanziamento per imprese giovanili.

Il sindaco Sergio Loggi apre la conferenza: “Consulenze gratuite per chi vuole aprire un’attività autonoma, avviare un’impresa, orientarsi nel mondo del lavoro, conoscere agevolazioni e forme di finanziamento per le imprese giovanili. Un progetto Comune-Abilita ben definito. Questo progetto chiude il cerchio con tanti altri sportelli aperti nella nostra comunità come quelli Donne, Immigrati ed Energia. Chiaro segnale di vicinanza della nostra amministrazione, fin dall’insediamento, ai temi più stretti e attuali della società”.

Gianpietro Vallorani afferma: “Abbiamo progettato insieme ad Abilita questo sportello per avvicinare i giovani al mondo del lavoro. Abbiamo riscontrato che le aziende sono alla ricerca di personale e noi vogliamo fare da tramite per coloro che dalle scuole escono per poi cercare un’occupazione. Un servizio che vuole essere anche un messaggio di speranza per il futuro. Diamo un orientamento a tutti coloro che vogliono fare impresa facendo luce anche sulla burocrazia. Alla nostra amministrazione piace un progetto mirato e organizzato”.

Martina Censori aggiunge un’altra importante novità, inerente la biblioteca comunale: “Come amministrazione siamo vicini al mondo giovanile, il GiovArti rappresenta un centro di aggregazione importante. A causa del Covid abbiamo dovuto limitare attività ma piano piano stiamo riprendendo. Dal 19 ottobre, salvo nuove disposizioni, riaprirà la biblioteca al GiovArti di lunedì, mercoledì e venerdì dalle 15 alle 19. Cerchiamo di ripartire e dare assistenza e sostegno ai giovani”.

Francesco Ciarrocchi conclude: “Lo sportello vuole abilitare ad intraprendere la vita in maniera imprenditoriale, cercare di immaginare il proprio futuro e crearsi opportunità per sviluppare le idee in ambito lavorativo. Vogliamo accompagnarli in questo percorso e facilitare il loro inserimento nel mondo del lavoro. Aiutiamo anche i giovani che sono già in procinto di entrare nel mondo impresa ma che hanno bisogno di finanziamenti o informazioni a riguardo. Vogliamo realizzare una tessitura locale tra Comune, imprese del territorio e i giovani. La formazione non sarà solo tecnica ma organizzeremo incontri con imprenditori e associazioni anche per far conoscere la loro storia e come si sono affermati nei propri settori. Sarà un dialogo a 360 gradi con possibilità di utilizzare sia la tecnologia ma anche gruppi di lavoro in presenza. Da novembre partiranno le prime attività”.

Come si accede al servizio? E’ possibile richiedere una consulenza a distanza scrivendo a impresa.giovani@comune.monteprandone.ap.it, specificando il motivo della richiesta, oppure chiedere un appuntamento sempre tramite email o al cellulare 3883575639.

Lo sportello Impresa Giovani è ospitato al piano terra della Delegazione Comunale, in via delle Magnolie 1 a Centobuchi e aperto tutti i lunedì dalle 10 alle 12 (tranne i festivi).

Oltre all’attività info point saranno organizzati anche corsi di orientamento al lavoro e di aggiornamento mirati al target di riferimento giovanile coinvolto.

Ulteriori informazioni su indicazioni operative per avviare un’impresa, aggiornamenti, scadenze e bandi verranno fornite sui canali Social del Comune: pagina Facebook GiovArti e Comune di Monteprandone oltre che sul sito istituzionale del Comune.

Il servizio sarà gestito per tre anni dalla cooperativa sociale Abilita e rientra nei progetti sociali finanziati attraverso il “Piano nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate” per il quale il Comune di Monteprandone ha ottenuto un contributo della Presidenza del Consiglio dei Ministri a fondo perduto di 1.900.000 euro. Il costo complessivo del servizio è di 16 mila euro.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.