ROSETO DEGLI ABRUZZI – Un fermo eseguito nella serata del 10 ottobre lungo la costa teramana.

I Carabinieri di Roseto, durante un servizio per il controllo del territorio effettuato nei pressi della stazione ferroviaria di Roseto imponevano l’alt ad un autovettura.

Dall’Arma raccontano in una nota stampa: “Alla guida riconoscevano un soggetto pregiudicato, un 30enne del luogo che sapevano essere privo di patente di guida perché mai conseguita. Questi invece di fermarsi accelerava dandosi alla fuga danneggiando due autovetture che erano parcheggiate e rischiando di investire i militari che gli intimavano l’Alt”.

“A bordo di una delle autovetture danneggiate, che erano regolarmente parcheggiate, vi erano due ragazze che a seguito dell’urto, riportavano lesioni giudicate guaribili in 8 giorni salvo complicazioni – proseguono i militari – ne nasceva un inseguimento nel corso del quale il fuggitivo scappava verso la Statale 16 e veniva raggiunto lungo la strada che porta a Montepagano, quando in una curva, fuoriusciva dalla sede stradale andando a sbattere contro il guard-rail”.

Dal Comando Provinciale di Teramo aggiungono: “Raggiunto, veniva condotto negli uffici della Stazione di Roseto dove si procedeva a dichiararlo in arresto per i reati di resistenza a pubblico ufficiale e guida senza patente. Inoltre veniva anche multato per non essersi fermato all’Alt regolarmente imposto da personale in uniforme”.

“L’arrestato su disposizione del Pm di turno, veniva condotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari in attesa della fissazione dell’udienza di convalida. L’autovettura è stata sequestrata ed affidata ad una depositeria autorizzata” concludono dall’Arma.

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.