FERMO – Ancora controlli nel Fermano in questi giorni da parte delle Forze dell’Ordine.

Dalla Questura raccontano: “L’attività ad ampio raggio della Squadra Mobile ha permesso agli operatori di rintracciare, in un casolare abbandonato al confine tra il quartiere costiero e la località di Casabianca, uno straniero tunisino trentenne, clandestino sul territorio nazionale. Nei pressi del giaciglio di fortuna, il personale della Polizia ha rinvenuto alcuni pacchetti di sigarette integri. La loro presenza, in quel contesto e nella disponibilità di quello straniero, conosciuto dai poliziotti perché denunciato più volte per aver commesso furti in esercizi commerciali del litorale fermano, ha consentito di ricollegare il rinvenimento dei pacchetti con un furto avvenuto nella notte precedente ai danni di un negozio di Porto San Giorgio dal quale il ladro si è impossessato di circa 300 euro, alcune attrezzature da cucina e numerosi pacchetti di sigarette”.

“Alla scoperta del furto, il titolare aveva richiesto l’intervento della Volante per il sopralluogo e per l’accertamento tecnico, da parte della Polizia Scientifica, sulle tracce lasciate dal malfattore – dalla Questura proseguono – L’approfondito controllo del casolare non ha portato al rinvenimento del denaro e degli oggetti depredati, probabilmente già utilizzati per l’acquisto di generi di prima necessità e sostanze stupefacenti delle quali lo straniero fa uso. Il giovane tunisino è stato accompagnato in Questura a disposizione dell’Ufficio Immigrazione il personale del quale ha attivato le procedure per il collocamento dello straniero presso un C.P.R., risultato non possibile per le patologie di cui soffre il giovane, al quale veniva notificato l’Ordine del Questore di lasciare il territorio nazionale”.

“Questa mattina i pacchetti di sigarette rinvenuti sono stati riconsegnati al titolare dell’esercizio commerciale depredato” concludono dalla Questura.

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.