NOBILE 6 Praticamente inoperoso, non può nulla sulla poderosa inzuccata di Gomez e si fa notare semmai in alcune uscite e nei rinvii coi piedi

SCRUGLI 5,5 Non eccessivamente propositivo in fase offensiva, sembra stare più attendo a rinsaldare la linea difensiva.

CRISTINI 6 E’ il più esperto giocatore di categoria del pacchetto difensivo (in parte con Scrugli) e cerca di far valere i suoi “gradi”. Nel primo tempo va vicino alla deviazione vincente, probabilmente trattenuto per la maglia.

ENRICI 5,5 Ci sembra ancora in fase di formazione e non potrebbe essere altrimenti, essendo alla seconda partita tra i professionisti. Gomez è un cliente invece esperto e scomodo, ma in quei casi occorre fare pressione ed evitare che si possa colpire di testa indisturbati

LIPORACE 5,5 Funge raramente da classico terzino sinistro fluidificante, resta piuttosto bloccato dietro (tranne e forse non è un caso nell’azione che porta al vantaggio di Nocciolini) poi nella ripresa cala ulteriormente: non arriva mai al cross dal fondo mentre lascia troppo spazio alle avanzate ospiti.

ANGIULLI 6 Buona la sua partenza, che fa dimenticare il primo tempo di Carpi. Forse anche grazie alla presenza del trequartista (Bacio Terracino), ha più soluzioni per far circolare la palla: in linea orizzontale a Shaka e Rocchi, a Bacio, alle due punte. Va invece molto peggio nella ripresa, perché non ha più il ritmo aggressivo della prima frazione e di conseguenza inizia a sbagliare qualche appoggio di troppo.

SHAKA MAWULI 7 Il centrocampista che era mancato a Carpi (in attesa, tra gli altri, di D’Angelo). Rapido sulle seconde palle, potente, bravo nel gioco aereo, intelligente negli inserimenti, rapido nel calciare in porta. Nel secondo tempo cala di tono, non avendo i 90 minuti nelle gambe, anche se dà veramente tutto ed è suo lo zampino nel gol di Lopez. Esce infatti subito dopo, sfinito. Imprescindibile? Presto per dirlo, ma quella è l’impressione.

ROCCHI 6 Nella prima frazione si ricombina con Angiulli e fa girare la palla con velocità, sempre molto aggressivo sul portatore di palla avversario. Fa più fatica come altri compagni nella ripresa: per tutti, la speranza è che si tratti di un problema di forma che potrebbe arrivare cumulando minuti di gioco.

BACIO TERRACINO 6 Alcuni buoni spunti nel primo tempo, quando spesso crea superiorità numerica col suo movimento. Scende però vistosamente nella ripresa: gli mancano evidentemente i 90 minuti.

NOCCIOLINI 7 Fallisce il vantaggio in avvio, colpendo di testa a lato; ha subito un’altra occasione ma non tira in tempo. Poi segna, infine brucia i guantoni a Cucchietti con un destro potente. Il suo primo tempo lo vede assoluto protagonista, centravanti vecchio stile che orbita attorno alla boa di Maxi Lopez pronto a sfruttare gli spazi creati.

MAXI LOPEZ 7 Il suo sinistro è davvero maligno: lento ma angolato quel tanto che basta per essere irraggiungibile. Il suo gol toglie letteralmente le castagne dal fuoco alla squadra e a Montero che infatti esulta come non mai nello stadio vuoto. Fino a quel momento si era visto poco, meglio nella prima frazione quando aveva svolto egregiamente il ruolo di boa offensiva e suggeritore, quasi non pervenuto nella ripresa ad eccezione di un colpo di testa. Appunto una marcatura che arriva con uno stato di forma ancora approssimativo ma che pesa moltissimo sia per Montero, per l’ambiente ma anche per lui stesso.

CHACON 6,5 Ha buoni numeri e li mette in mostra con alcune percussioni che danno una svolta all’inerzia nella quale si era ritrovata la Samb. Per lui un altro buono spezzone dopo quello di Carpi. Si candida per una maglia da titolare mercoledì sera contro la Fermana.

LESCANO 6 Centravanti che definire riserva è riduttivo, gira intorno a Lopez con viva energia ma per paradosso è lui ad offrire al capitano il pallone decisivo: riceve una palla sporca proprio da lui, la protegge e consente all’amico argentino il colpo vincente.

DI PASQUALE 5 Entra per stringere su Gomez e forse per giocare dalla difesa il pallone. Sbaglia in realtà un paio di rinvii, poi viene ammonito e a cinque minuti dal termine subisce una strana espulsione, per un contatto con il portiere avversario. La Samb così vanta il triste primato di tre espulsioni in tre gare ufficiali.

MASINI 6,5 E’ evidente che a Carpi ha pagato pegno all’emozione dell’esordio tra i professionisti, e forse sull’esterno di centrocampo non si è trovato a suo agio. Montero lo inserisce al posto di Shaka e non lo fa rimpiangere: da applausi un suo recupero difensivo, inoltre esce un paio di volte con la palla al piede da situazioni difficili. Conferma, dunque, quel che di buono si diceva su di lui la scorsa estate. Tornerà utile.

GOICOECHEA s.v Ultimi minuti per rinforzare la linea difensiva dopo l’espulsione di Di Pasquale.

 

PAOLO MONTERO 6,5 Nel primo tempo è quasi la Samb che ha in mente, molto simile per intensità di gioco a quella ammirata nei suoi primi mesi in rossoblu. Rocchi rapido e aggressivo, Angiulli veloce a far circolare il pallone, Shaka fondamentale nel mix di centimetri e chilogrammi, Bacio Terracino che pendola nella terra di mezzo, Maxi Lopez che smista palloni a destra e manca e Nocciolini che si fionda ossessivamente negli spazi liberi. Resta una difesa ancora sotto osservazione, con le assenze di Biondi e D’Ambrosio che pur pesano.

Quando però la benzina termina – e in Shaka, Angiulli, Rocchi, Bacio Terracino e poi anche Nocciolini si accendono via via spie rosse – il raggio di azione dei rossoblu arretra, e il gol di Gomez lascia presagire l’esistenza di una maledizione sul 2020 rossoblu. Così non è grazie alla panchina più folta a disposizione quest’anno, nonostante le diverse assente (oltre a Biondi e D’Ambrosio, ad esempio, Botta).

Chacon e Lescano si confermano infatti due giocatori di alto livello: Lescano è un centravanti di categoria che ci sembra equivalente a Nocciolini e forse più attaccante d’aria di rigore del collega italiano; Chacon invece conferma che anche nella Serie C italiana i numeri da funambolo che gli avevamo visto fare, in video, tra Galles e Argentina, sono alla sua portata. Anche se poi il gol risolutivo sarà di Maxi Lopez, lasciato in campo da Montero nonostante avesse brillato assai meno di Nocciolini.

Una vittoria che è una boccata di ossigeno e consente di programmare meglio i due appuntamenti con Fermana e Fano. Nonostante il calo della ripresa e i punti interrogativi in difesa, non mancano buone notizie: Shaka Mawuli su tutte, ma anche Nocciolini, in parte Bacio Terracino, i due argentini subentrati senza dimenticare l’attesa per D’Angelo e quella per Botta su tutti. Una Samb che al momento sembra al 30-40% delle sue potenzialità. Ma 7 giorni, dopo Fano, lo capiremo meglio.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.