MARTINSICURO – Controlli nel fine settimana lungo la Val Vibrata.

Arrestato un 37enne di origine tunisina, senza fissa dimora, a Martinsicuro. Un 24enne del luogo aveva denunciato la scomparsa della sua bici, dal valore di 300 euro.

Dall’Arma abruzzese raccontano: “Il giovane, considerato il valore della bicicletta si era messo alla ricerca del velocipede nella zona nord, quando ha incontrato il tunisino che ha preso l’impegno di ritrovargli la bicicletta. Nel pomeriggio di ieri, 27 settembre, l’uomo si è fatto risentire informando il ragazzo che era in possesso della sua bicicletta e per la restituzione chiedeva 50 euro”.

“A quel punto il 24enne si è precipitato in caserma a Martinsicuro raccontando l’episodio e così i militari truentini hanno potuto organizzare la trappola – prosegue la nota stampa diffusa dai militari – All’ora ed al posto convenuto si è presentato il tunisino: dopo aver minacciato in tutta fretta il ragazzo che gli ha consegnato la banconota precedentemente fotocopiata e subito dopo lo scambio sono intervenuti i militari operanti seduti in disparte camuffati da clienti di un vicino bar che lo hanno bloccato dopo un breve inseguimento”.

Dalla Compagnia di Martinsicuro concludono: “Il tunisino dovrà ora rispondere innanzi al Tribunale di Teramo per estorsione”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.