SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Di seguito una nota stampa, giunta in redazione, di Domenico Pellei (Udc).

Occorre affrontare con urgenza e risolvere il problema dell’annidamento di uccelli che, in questa stagione estiva che volge alla conclusione, sta caratterizzando la scuola elementare G. Moretti e la zona limitrofa.

Nei grandi pini presenti lungo nel giardino della scuola e in quel punto lungo il torrente Albula hanno trovato annidamento in queste settimane migliaia di uccelli che conseguentemente riversano a terra guano e deiezioni: tale situazione, se non affrontata, oltre che a rendere l’area indecorosa, rappresenta un rischio in considerazione della prossima riapertura della scuola e del massiccio afflusso di bambini e genitori. Tutte le strutture ed attrezzature esterne (accessi, corrimano, panchine, giochi, recinzioni) alla scuola sono, ad oggi, non fruibili.

Il rientro a scuola già complesso per l’emergenza Covid 19 – che tra l’altro prevede quanto più possibile l’utilizzo di spazi esterni – risulterebbe ulteriormente condizionato da questa situazione oggettivamente rischiosa oltre che indecorosa. Sarebbe opportuno che l’amministrazione comunale oltre che affrontare il problema interessasse a riguardo anche il Dipartimento di Prevenzione dell’Area Vasta 5 per verificare che siano garantiti i requisiti minimi di igiene e sanità pubblica che allo stato attuale sembrano fortemente compromessi.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.