SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’Azienda Sanitaria Unica Regionale, dopo l’ordinanza del ministero della Salute che impone il tampone per chi rientra da Grecia, Croazia, Spagna e Malta, “ha già fornito ai propri territori e alle strutture interne ed esterne le indicazioni necessarie per predisporre percorsi chiari e di facile accesso ai cittadini”.

I cittadini che rientrano da questi Paesi – spiega in una nota l’Asur – potranno contattare telefonicamente e via email gli Uffici Relazioni con il Pubblico (Urp) e i Dipartimenti di Prevenzione del proprio territorio di residenza, trovando tutte le informazioni sul sito www.asur.marche.it”.

“L’ordinanza del Ministero della Salute n. 27.007 dell’11 agosto 2020 – ricorda l’Asur – ha previsto per i rientri da Grecia, Spagna, Croazia e Malta avvenuti dal 13 agosto in poi (esclusi quelli avvenuti precedentemente) l’obbligo del test molecolare o antigenico da effettuarsi con tampone entro 48 ore dall’arrivo in aeroporto, porto o luogo di confine e, in attesa, l’obbligo dell’isolamento fiduciario presso la propria abitazione o dimora. Le misure si applicano esclusivamente ai cittadini che provengono dai Paesi esteri sopra menzionati”.

L’Area Vasta 5 comunica che a partire dal 13 agosto chi torna da Grecia, Croazia e Malta deve inviare una segnalazione alla mail covid19.av5@sanita.marche.it, comunicando dati anagrafici, un recapito telefonico, giorno di rientro in Italia e Nazione di provenienza.

E’ obbligatorio porsi in isolamento domiciliare fino all’esito negativo del tampone, che deve essere effettuato entro 48 ore dal rientro in Italia.

Il tampone può essere eseguito anche presso i laboratori privati accreditati con impegnativa rossa.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.