SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Appuntamento culturale in Riviera.

Mercoledì 29 luglio, ore 21.30, inizia alla Palazzina Azzurra di San Benedetto il Festival Racconti in musica, giunto alla XIV edizione, realizzato dalla Gioventù Musicale d’Italia e dal Comune di San Benedetto del Tronto.

In programma, “Rodari cento anni dopo”, un significativo omaggio a Gianni Rodari, nei 100 anni dalla nascita.

Cento anni fa, infatti, il 23 ottobre 1920 nasceva a Omegna sul Lago d’Orta, Gianni Rodari: scrittore, pedagogista e poeta. Tra i più autorevoli scrittori per ragazzi del nostro secolo, le sue favole, i suoi racconti sono stati tradotti in molte lingue e letti da bambini di tutto il mondo. Tale fu la sua popolarità che nel 1970 gli venne conferito il premio Andersen, uno dei massimi riconoscimenti internazionali nel campo della letteratura per l’infanzia.

Lo spettacolo sera propone alcuni racconti tratti da “Gelsomino nel paese di bugiardi” che l’autore pubblica nel 1959.

La voce recitante è quella di Stefano De Bernardin, le musiche sono state scritte da D’Antò, G. Bonolis, F. Festa, A. Samorì, M. Torelli e verranno eseguite da Marco Di Domenico, flauto, Francesco Di Giacinto, oboe, Giuseppe Federico Paci, clarinetto in Sib, Lorenzo Poli, clarinetto basso, Giovanni D’Aprile, corno.

Uno spettacolo di grande fascino che ci porterà nel mondo di Rodari,aAttento osservatore della realtà sociale, capace di cogliere le più piccole sfumature del mondo circostante. Uno spettacolo per tutti che trasmette un messaggio di altruismo, sincerità, generosità e amicizia, sentimenti particolarmente importanti nel periodo che stiamo attraversando.

A causa della limitazioni imposte dal Covid, è necessaria la prenotazione con sms o WhatsApp al numero: 3805921393.

Dovrà essere rispettata la normativa prevista e, quindi, dovrà essere indossata la mascherina protettiva assicurandosi di coprire bene naso e bocca, nonché mantenere una distanza di sicurezza di almeno 1,5 metri dalle altre persone. Ingresso libero.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.