SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una “ragazzata”, per modo di dire ovviamente, una goliardiata grave che costa cara a dei ragazzi tra i 18 e 23 anni in Riviera.

La Polizia di Stato ha bloccato cinque giovani che, in preda ai fumi dell’alcool, avevano dapprima preso a calci alcuni cassonetti dell’immondizia e poi, dopo essere entrati in un locale, stavano consumando la colazione.

È avvenuto stamane a San Benedetto del Tronto, poco prima dell’alba, quando al 113 del locale Commissariato è giunta la richiesta di aiuto da parte di un addetto alla rimozione dei rifiuti, che ha segnalato la presenza di quei ragazzi in prossimità di via Trento.

Dalla Questura proseguono: “Un equipaggio della Squadra Volante si è precipitato sul posto e, dopo aver verificato che c’erano in terra alcuni recipienti di spazzatura rovesciati e raccolto le descrizioni degli autori di quelle gesta vandaliche, li ha rintracciati all’interno di un bar, trovandoli su di giri. Erano in 5, tutti originari della Riviera delle Palme, tra i 18 e i 23 anni, in evidente stato di ebbrezza a causa dell’alito vinoso, degli occhi arrossati e della difficoltà nello stare in piedi, poiché barcollavano”.

Dalla Questura aggiungono: “Qualche ora prima i poliziotti avevano ricevuto un’altra segnalazione dello stesso tipo, tant’è si erano messi alla ricerca di un gruppo di giovinastri che si erano recati in una pasticceria e, al rifiuto di essere serviti per la colazione, avevano preso a calci il bandone del locale, con il titolare che si era subito attaccato al telefono per chiedere aiuto al 113”.

“La squadra di polizia giudiziaria del Commissariato di San Bendetto del Tronto si è già attivata per acquisire le immagini registrate da alcune telecamere, in modo da poter ricondurre i calci al bandone e i danni provocati agli stessi agli stessi 5 individui rintracciati al bar, che dovranno per ora rispondere di ubriachezza molesta e schiamazzi, pagando ognuno una sanzione di oltre 100 euro – concludono dalla Questura ascolana – Se dovessero risultare pure come gli autori dei danni alla serranda della pasticceria e del ribaltamento dei cassonetti, allora dovranno rendere conto anche di quello”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.