RIPATRANSONE – “L’amministrazione targata Lucciarini continua a gestire in modo alquanto discutibile la situazione dell’illuminazione pubblica”.

Così, in una nota il 18 luglio, Progetto Paese, la minoranza della comunità ripana: “Da tempo ci stiamo battendo, sia sui social, che sulla stampa ed in consiglio comunale, sulla questione legata alle ormai abitudinali mancanze di illuminazione pubblica per le vie del paese, ma nessuno ci risponde. Noi crediamo che, dopo più di due anni dalla loro elezione, dovrebbero dare una risposta ai cittadini che si sentono presi in giro per questo ‘illuminamento/oscuramento’ che, per strani motivi, continua a verificarsi lasciando al totale buio parti del paese. E che dire dei vari punti luce del centro storico e delle periferie ormai dimenticate? I cittadini protestano sia con gli amministratori che con il capo area Ufficio patrimonio ma nulla, anzi ci viene sempre risposto, come un disco rotto, ‘segnaleremo l’episodio alla ditta di manutenzione’. Ma ci saranno problemi di comunicazione tra loro, visto che per mesi i lampioni della pubblica illuminazione restano spenti?“.

I consiglieri comunali Antonio de Angelis, Luca Vitale, Roberta Capocasa e Giada Pierantozzi proseguono:I cittadini continuano a stare al buio. Eppure gli amministratori comunali vivono a Ripatransone, transiteranno per le vie del paese, si renderanno conto di come hanno, nel tempo trascorso in amministrazione, gestito male le situazioni del nostro territorio? Non è possibile limitarsi a gestire la segnalazione, con un leggero comunicato a chi dovrà intervenire. Necessita una presa di posizione forte, perché la sicurezza dei cittadini è più importante di qualche contratto in essere”.

Progetto Paese prosegue: “Crediamo che questa situazione non possa essere più accettata dai cittadini e che sia venuta l’ora che il Consigliere comunale competente e il Sindaco si facciano carico seriamente della situazione. I tempi di attuazione e riparazione o sostituzione, dovrebbe prevedere interventi immediati e rapidi e gli amministratori non dovrebbero permettere che un paese abbia una delle sue vie principali quasi completamente al buio per diversi giorni – afferma la minoranza – L’amministrazione, in due anni di mandato, non ha dato ascolto a nessuno, chiudendosi all’interno delle Palazzo, quasi volendo rompere il dialogo costante che dovrebbe esserci tra amministratori pubblici e la cittadinanza”:

“Non sarà il fumo negli occhi dei cittadini, attraverso la promessa del completamento, forse, di opere ferme da anni, che qualunque altra amministrazione avrebbe portato a termine, a cambiare le sorti del nostro paese, oramai desolante paese turistico, senza una politica di crescita commerciale. Anche l’illuminazione di un paese fa la differenza tra lo scegliere Ripatransone o altre località” concludono i consiglieri comunali Antonio de Angelis, Luca Vitale, Roberta Capocasa e Giada Pierantozzi.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.