SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Come prevedibile, e già annunciato, sono arrivati duri provvedimenti a causa della violenta zuffa  avvenuta nella notte tra il 7 e 8 luglio in Riviera fra giovanissimi.

Qui il nostro articolo precedente

Ancora una rissa a San Benedetto: lite violenta fra giovani vicino l’ex Galoppatoio

Per la rissa accaduta nei pressi dell’ex Galoppatoio a San Benedetto, sono stati denunciati dai carabinieri sei ragazzi: quattro minorenni e due maggiorenni. Tre sono di Ascoli, due di San Benedetto e uno di Teramo.

All’origine dell’animata discussione dei “diverbi calcistici” tra Ascoli e Samb, a quanto affermato dall’Arma sambenedettese.

Dei sei ragazzi denunciati, tre sono stati costretti alle cure mediche del 118. Uno ha riportato 7 giorni di prognosi per trauma contusivo al ginocchio, un altro sempre 7 giorni per ferite al braccio e ad una palpebra, e infine l’ultimo ferito ha riportato 5 giorni di prognosi per trauma contusivo alla mano.

I militari hanno acquisito le immagini delle telecamere presenti in zona per arrivare ad identificare anche gli altri partecipanti della violenta rissa, fuggiti poco prima dell’arrivo delle Forze dell’Ordine e dei sanitari.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.