GROTTAMMARE – Biciclette incustodite su marciapiedi e altre aree pubbliche, l’amministrazione comunale di Grottammare ricorda che sul territorio comunale vige l’ordinanza di rimozione di velocipedi parcheggiati fuori dalle apposite rastrelliere e di quelli in evidente stato di abbandono. 

Quasi sempre, il parcheggio selvaggio di tali mezzi, impedisce l’utilizzo dei marciapiedi da parte delle persone più fragili, oltre che le attività di manutenzione del patrimonio pubblico.

In questi giorni, gli agenti della Polizia Locale stanno intensificando i controlli sul rispetto dell’ordinanza, viste le numerose segnalazioni di biciclette parcheggiate addirittura sopra le aiuole del lungomare “fresche” di manutenzione.

Nel bilancio dell’anno 2020, approvato dal Consiglio comunale il mese scorso, le risorse destinate alle opere sul decoro e la pulizia urbana ammontano a 80 mila euro. “Nei giorni scorsi è partita l’annuale riqualificazione delle aiuole del lungomare, per la quale il Comune spende ogni anno diverse migliaia di euro – ricorda il consigliere delegato alle manutenzioni Bruno Talamonti –. Faccio appello quindi a tutti, operatori compresi, a far rispettare le regole, affinché l’impegno di abbellire la nostra città non diventi un inutile spreco di denaro pubblico a causa dell’inciviltà di qualcuno”. 

Al di là del decoro urbano, l’ordinanza nasce dalla considerazione che l’incontrollato e disordinato deposito di biciclette in luoghi diversi dalle apposite rastrelliere (fissate agli arredi stradali, ai pali della segnaletica, ai monumenti, ai pali dell’illuminazione e altro) crea forte disagio alle fasce più deboli della comunità, poiché interferisce con la fruibilità dei marciapiedi, dei passaggi pedonali e ciclabili, diminuendo così la sicurezza dei cittadini e soprattutto delle persone con disabilità. 

La rimozione dei mezzi prevede che i velocipedi non più funzionanti, e che non presentino riscontri oggettivi che permettano di risalire al proprietario, saranno consegnati al concessionario del servizio di gestione dei rifiuti per lo smaltimento: i velocipedi funzionanti saranno portati in un deposito comunale dove rimarranno a disposizione dei legittimi proprietari in applicazione della disciplina di cui all’articolo 923 e seguenti del Codice Civile.  

Nell’ordinanza è inoltre specificato che la proprietà del mezzo potrà essere dimostrata con l’esibizione della chiave del lucchetto o con la presentazione della combinazione numerica al fine di accertarne la rispondenza con il lucchetto tagliato in sede di rimozione e conservato con la bicicletta, o con ogni altro mezzo idoneo a comprovarne la proprietà.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.