SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Di seguito una nota stampa di Ambiente e Salute nel Piceno che espone il problema dell’acqua torbida nei rubinetti delle abitazioni da Ascoli fino ad arrivare alla Vallata del Tronto e a Grottammare.

E‘ da più di un anno ormai che, da Ascoli Piceno lungo tutta la Vallata del Tronto arrivando fino a Grottammare, stiamo ricevendo una quantità enorme di segnalazioni riguardanti l’acqua potabile poiché in molte case si è verificato e si verifica tutt’ora la fuoriuscita dai rubinetti di acqua torbida e dalla strana colorazione rossa. Ultimamente, inoltre c’è stato un’impressionante aumento delle bollette.

Viene naturale quindi porsi due domande. Con l’aumento sproporzionato del prezzo delle bollette, l’ente gestore si suppone debba avere degli introiti non indifferenti. Come adopera dunque queste risorse, se il servizio erogato è di tal qualità?

Inoltre ci chiediamo come, in questo momento così delicato, dove le famiglie sono state messe alla prova dal lockdown con mancanza di lavoro e di stipendi, si possa far pagare così cara l’acqua, bene primario per la vita.

Questo dell’acqua è un problema serio, grave e duraturo, che coinvolge gran parte del territorio Piceno, al quale l’ente gestore deve dare una risposta immediata. Per questo Chiederemo attraverso i Sindaci della vallata un nuovo incontro di chiarimento con la Ciip, il Prefetto, l’Asur, l’Arpam e i tecnici della regione Marche per avere chiarimenti sulla questione.

L’associazione Ambiente e Salute nel Piceno si sta facendo carico di ricevere le segnalazioni dei cittadini, e non possiamo rimanere inermi.

Vogliamo far rivalere i nostri diritti di cittadini in quanto l’acqua è un bene pubblico fondamentale per la vita di tutti noi.

Combatteremo fino a che il servizio idrico non torni a fornirci la migliore acqua proveniente dalle nostre montagne come una volta.

Cittadini non sudditi.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.